3.8 C
Rome
lunedì, Marzo 1, 2021

Non vedo l’ora che venga domenica

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

“Non vedo l’ora che venga domenica” è un libro inchiesta che Giulia Depentor, nativa di San Donà di Piave, scrive per analizzare un terribile fatto di cronaca, avvenuto nella sua città natale nel 1970, cioè tredici anni prima della sua nascita, e nel quale si analizzano le circostanze di luogo e di fatto per le quali un bel bambino di dieci anni diventa vittima di un predatore sessuale, Antonio Pastres, che lo attira in una trappola, lo sequestra, lo violenta e lo uccide strangolandolo.

È una lettura per molti aspetti angoscianti, che io sento più profondamente del lettore comune in quanto questo scellerato, dopo la condanna venne trasferito nella casa di reclusione di San Gimignano, che io dirigevo (periodo 1970-1980), per cui ho conosciuto personalmente questo detenuto e ne ho scritto, brevemente, nel mio memoriale “La mia vita dentro – Le memorie di un direttore di carceri”, scritto ripresto e citato dall’Autrice.

È un libro la cui lettura dovrebbe interessare tutte le famiglia con bambini, perché con gli occhi di una moderna giornalista, descrive tutti i sintomi e i segnali di pericolo che sfuggirono a tutti coloro che impattarono in Antonio Pastres senza riconoscere il pericolo che questa belva rappresentava. E di belve in libertà ve ne sono sempre tante.

Il libro è arricchito di molte immagini. (luigi morsello)

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...