3.5 C
Rome
lunedì, Marzo 1, 2021

Fazio: web droga per i giovani. Eta Beta: bene così

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Ministro Fazio

Facebook, social network e giochi on line sono la nuova droga che si diffonde e da’ luogo, nei casi di abuso, a ”sentimenti compulsivi, isolamento sociale, dipendenza psicopatologica, perdita di contatti reali, sentimenti di onnipotenza”. Il ministro della salute Ferruccio Fazio mette i giovani in guardia: non serve ingerire o inghiottire, ma basta stare 10 ore al giorno al computer per subirne le devastazioni. Lo dice in risposta ad un’interrogazione di Giorgio Jannone del Pdl.
Di ben altra idea è “Eta Beta” l’esperto di Intelligenza Connettiva e Gestione della Conoscenza che afferma: “i politici italiani hanno letteralmente messo in mano alle multinazionali estere quella importante fetta di economia che si produce oggi in Italia tramite la connettività. Ciò perchè i politici italiani, tranne una sparuta e ormai quasi inesistente rappresentanza, in questo settore, ha una cultura della connettività che proviene dagli spot e non da studi e approfondimenti. I giovani italiani, invece, hanno piena contezza del fatto che in rete si muovono le nuove economie e che alla conoscenza, alla “gestione della Conoscenza”, dunque all’economia, si può giungere solo colmando questo enorme vuoto strategico che consegna ogni anno decine di miliardi di euro del business on on line ai giovani di altri paesi. I nostri giovani che hanno voglia di lavorare in un paese bellissimo come l’Italia sanno bene che per rimanere a casa devono riuscire ad aprire un varco in un mondo dove la competitività è altissima e che questo è l’unico modo per diventare padroni del mezzo (la Rete, Internet, ndr), a costo di lavorare 18 ore al giorno. Domani, conclude Eta Beta, la nostra Economia sarà salva grazie a loro, appena questa tornata di pupazzi della politica si sarà disfatta innanzi a tutti”.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...