Francia e Germania: Monti ok progressi spettacolari