10.2 C
Rome
sabato, Maggio 8, 2021

A Parghelia la discarica dei furbetti

Must read

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

È stata individuata e sottoposta a sequestro preventivo dalla Polizia provinciale di Vibo Valentia (foto), una discarica abusiva, situata nel comune di Parghelia, in località Bordia, a ridosso del torrente Croce Petrosa.

L’operazione di monitoraggio e tutela ambientale è stata condotta e portata a termine dal vice comandante Angelo Sorace, insieme agli agenti Giuseppe Riso  e Cristian Vardaro.

L’Amministrazione provinciale, su impulso dell’assessore all’Ambiente Martino Porcelli, d’intesa con il comandante della Polizia provinciale Giuseppe La Fortuna, sta operando, dunque, attraverso servizi di vigilanza e monitoraggio atti a prevenire, ed eventualmente reprimere, eventuali illeciti ambientali.

Nella discarica abusiva individuata a  Parghelia – che si estende per circa 15.000 mq – la Polizia provinciale ha individuato ingenti quantità di detriti, materiali prodotti da lavorazioni edili, due veicoli abbandonati e altri rifiuti di non facile identificazione che sono al vaglio di esperti.

«Gli stessi cumoli di rifiuti – hanno evidenziato gli agenti della Polizia provinciale – potrebbero ricoprirne altri ben più pericolosi di natura speciale o tossica. La situazione generale rilevata può causare un serio degrado e inquinare l’ambiente, con rischi soprattutto per le falde acquifere e conseguenti pericoli per la salute dei cittadini. Inoltre, va evidenziato che la discarica si trova a circa 300 metri dal mare e a ridosso dell’alveo del torrente Croce Petrosa che, qualora i rifiuti presenti venissero spinti all’interno dei suoi argini, sarebbe a rischio esondazione».

Da qui, dunque, la decisione da parte della Polizia provinciale di agire in maniera tempestiva, procedendo al sequestro preventivo della discarica abusiva.

p.p.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

Movimento NOI: siamo chiamati a rendere efficace la politica

di Fabio Gallo/ "La Democrazia in Calabria e da oggi in Sicilia, si declina con il nome del...