Antonino Zichichi insignito della “Carta della Pace”

Prof. Antonino Zichichi - Presidente della Federazione Mondiale degli Scienziati - Carta della Pace per la Tutela della Memoria, dei Diritti dell'Uomo e dell'Ambiente

Prof. Antonino Zichichi – Presidente della Federazione Mondiale degli Scienziati – Carta della Pace per la Tutela della Memoria, dei Diritti dell’Uomo e dell’Ambiente

Antonino Zichichi è stato insignito della “Carta della Pace” per la Tutela della Memoria, dei Diritti dell’Uomo e dell’Ambiente giunta alla terza Biennale e promossa dalla Fondazione Culturale “Paolo di Tarso”  (www.paoloditarso.it).

 

Il presidente della federazione Mondiale degli Scienziati Antonino Zichichi - Carta della Pace

Il presidente della federazione Mondiale degli Scienziati Antonino Zichichi – Carta della Pace

ANTONINO ZICHICHI INSIGNITO DELLA CARTA DELLA PACE
La motivazione riconosce allo scienziato di avere, tre i suoi innumerevoli meriti in ambito scientifico, tutelato la Memoria di Galileo Galilei restituendogli la dignità di Uomo di Fede,“Padre della logica del Creato”, riconducibile a Dio. Inoltre, per essere lo scienziato che ha saputo dare vita alla Grande Alleanza voluta da Giovanni Paolo II tra la Fede e la Scienza. Quella scienza che, come Giovanni Paolo II concordò con Antonino Zichichi “ha radici nell’Immanente ma porta l’Uomo nel Trascendente”.

Il presidente della Fondazione "Paolo di Tarso" Luana Gallo - il prof. Antonino Zichichi - Mons. Renzo Giuliano

Il presidente della Fondazione “Paolo di Tarso” Luana Gallo – il prof. Antonino Zichichi – Mons. Renzo Giuliano

LA CARTA DELLA PACE di ROBERTO ORMANNI
Sul documento si legge:

Con la” Carta della Pace”
“Riconosciamo a Donne e Uomini di Buona Volontà il nostro plauso
e proponiamo la testimonianza della loro esistenza
quale esempio educativo per le nuove generazioni
alle quali sono affidate le sorti del Pianeta  e del  Genere Umano
chiedendo ad esse di compromettersi per la Pace”.

LA MOTIVAZIONE:

“Presidente della Federazione Mondiale degli Scienziati ha tutelato la Memoria di Galileo Galilei restituendogli la dignità di Uomo di Fede, “Padre della logica del Creato” riconducibile a Dio. Per essere lo scienziato che ha saputo dare vita alla Grande Alleanza voluta da Giovanni Paolo II tra la Fede e la Scienza, Per avere consentito che si lasciasse all’Umanità il pensiero del Pontefice inciso sul Lucernario della Basilica Santa Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma: “la Scienza ha radici nell’Immanente ma porta l’Uomo nel Trascendente”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.