Corte Costituzionale da ragione a Giorgio Napolitano: il conflitto c’è