-3.6 C
Rome
martedì, Gennaio 19, 2021

Sicilia: i Seggi al partito che non c’è – Come governare in nome di 1/7 dei Cittadini?

Must read

Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 “sì”

Roma, 18 gen. (askanews) – Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 sì, oltre...

Donne e “senso di responsabilità” celebrano la fondazione dei Popolari

A cura della RedazioneAlla vigilia della ricorrenza del giorno 18 Gennaio nel corso del quale Don Luigi Sturzo promuoveva la nascita...

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Rosario Crocetta - Presidente della Regione Sicilia
Rosario Crocetta - Presidente della Regione Sicilia

Roma, a cura di Alessandro Corneli – Il primo partito, quello del non-voto, con il 52,6%, non ha ottenuto, come è ovvio, alcun seggio. Il partito della delusione, infatti, non macina seggi. Si potrebbe supporre che la campagna contro la politica – tutta, quella buona e quella cattiva – abbia come obiettivo proprio questo: scoraggiare i cittadini, invitarli a restare a casa a mugugnare di fronte ai servizi in tv, ma senza fare altro, per trasformare questa maggioranza silenziosa in maggioranza inerte e passiva.

In un mondo ideale – ma abbastanza logico – il 52% dei seggi non avrebbe dovuto essere assegnato perché solo un’assemblea eletta è veramente rappresentativa se tutti i rappresentati hanno partecipato a sceglierei loro rappresentanti, con le normali eccezioni.

Niente di tutto questo: gestendo il 47,4% dei voti, i partiti si sono divisi i 90 seggi dell’Assemblea regionale siciliana. Per loro – come per le altre Regioni e a livello nazionale è lo stesso – va bene così.

Ma non va bene per il Paese nel suo insieme e per i singoli cittadini che vengono abituati a non esercitare un loro diritto fondamentale che non è più nemmeno un dovere. Bella liberalizzazione! Tanto i posti, nelle istituzioni, vengono occupati lo stesso; tanto le deliberazioni su come usare il denaro dei cittadini verranno prese ugualmente.

Il punto su cui dobbiamo riflettere è questo: può un presidente, chiunque egli sia, governare con il voto di un settimo dei cittadini aventi diritto al voto?

Una bassa partecipazione al voto, come negli Stati Uniti, e spesso anche nel Regno Unito, è accettabile, ma con qualche riserva, di fronte a un bipartitismo molto ben consolidato. Ma in uno scenario politico frastagliato in continua decomposizione/ricomposizione non sono gli artifici della legge elettorale a dare efficienza e legittimità a un sistema politico.

Vogliamo affrontare questo problema invece di sprofondare nell’analisi di chi ha vinto e di chi ha perso, di chi governerà (senza nemmeno la maggioranza dei seggi perché Crocetta ne ha 39 su 90) e di chi farà l’opposizione “responsabile” o “irresponsabile”?

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 “sì”

Roma, 18 gen. (askanews) – Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 sì, oltre...

Donne e “senso di responsabilità” celebrano la fondazione dei Popolari

A cura della RedazioneAlla vigilia della ricorrenza del giorno 18 Gennaio nel corso del quale Don Luigi Sturzo promuoveva la nascita...

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Ue, Von der Leyen: mantenere le politiche di bilancio di sostegno

Per ritorno a Patto stabilità servono le condizioni, non scadenze. La clausola di...