3.8 C
Rome
lunedì, Marzo 1, 2021

Eni: Scaroni incontra Ministro venezuelano Ramirez

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Il Presidente di Eni - Paolo Scaroni
Il Presidente di Eni - Paolo Scaroni

Il Ministro del Petrolio del Venezuela Rafael Ramirez, e l’Amministratore Delegato di Eni, Paolo Scaroni, si sono incontrati oggi a Caracas per fare il punto sulle attivita’ e sui progetti comuni nel Paese.

Durante l’incontro, spiega Eni, ”che si e’ svolto in un clima di cordialita’, si e’ discusso delle attivita’ di sviluppo del giacimento super-giant di Perla, uno dei piu’ grandi campi di gas scoperti al mondo negli ultimi anni, e del giacimento di Junin 5 che detiene 35 miliardi di barili di olio pesante in posto”.

Il campo di Perla e’ situato offshore, nel Golfo del Venezuela a circa 50 chilometri dalla costa e in una profondita’ d’acqua di 60 metri. Il giacimento e’ stato scoperto a fine 2009, e successivamente sono stati perforati con successo quattro pozzi di delimitazione. L’attuale stima di riserve di gas in posto e’ di circa 480 miliardi di metri cubi, pari a 3,1 miliardi di barili di olio equivalente.

L’azionariato di Perla, a seguito dell’ingresso di PDVSA nel progetto, sara’ composto al 32.5 % da Eni, al 32.5% da Repsol e 35% da PDVSA.

L’incontro di lavoro, prosegue la societa’, ”si e’ focalizzato sullo stato di avanzamento delle attivita’ di sviluppo per le quali sono in corso di assegnazione i contratti di costruzione delle piattaforme e di posa dei gasdotti a mare. E’ stato inoltre esaminato lo stato delle attivita’ operative del campo di Junin 5, che iniziera’ la produzione a inizio del 2013 anticipando di un anno la data di first oil prevista nel piano di sviluppo originario. Nel corso dell’incontro si e’ infine prospettata la possibilita’ di un’ulteriore importante crescita della presenza di Eni nel Paese”.

Eni e’ presente in Venezuela dal 1998 attraverso la partecipazione nello sviluppo del blocco a olio pesante Junin-5 (PDVSA 60%, Eni 40%), situato nella Faja dell’Orinoco, che possiede riserve in posto certificate per 35 miliardi di barili. Junin-5 e’ operato da due imprese miste: PetroJunin per lo sviluppo e la produzione del campo e PetroBicentenario per la costruzione di una raffineria nel complesso industriale di Jose. Eni detiene inoltre una partecipazione in Petrosucre, la societa’ che opera il campo offshore di Corocoro (PDVSA 74%, Eni 26%), con una produzione netta di circa 10 mila barili di petrolio al giorno. ASCA

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...