News Beppe Grillo: L’onestà andrà di moda. Lo ha detto e lo ha fatto

Beppe Grillo: lo ha detto e lo ha fatto. Movimento 5 Stelle sbanca con voti di coscienza

Beppe Grillo: lo ha detto e lo ha fatto. Movimento 5 Stelle sbanca con voti di coscienza

Beppe Grillo: “L’onestà andrà di moda”.
Le proiezioni, aggiunge Stefano Fassina, responsabile economia del Pd, “sembrano annunciare gravi problemi per il Paese”. “Se le cose stanno così, il prossimo parlamento sarà ingovernabile. Si farà subito una nuova legge elettorale e si torna a votare”, è il commento a caldo di Enrico Letta, del Pd. Che aggiunge, parlando al Tg3: “Se questi dati verranno confermati, nei prossimi giorni ci sarà un terremoto non solo in Italia ma in tutta Europa”.
Non la pensa così Ignazio La Russa (Fratelli d’Italia): “Io non ho mai pensato che dopo un’un’ elezione si torni a votare perchè in un modo o nell’altro un governo si fa”.
Per Gaetano Quagliarello, vicecapogruppo del Pdl al Senato, è rimasto ”fondamentalmente uno schema bipolare, anzi in qualche modo si è semplificato, perchè all’interno dei due poli cresce la differerenza tra il partito pivot e tutti gli altri”. Il coordinatore del Pdl Sandro Bondi parla invece di uno “straordinario risultato” e di una “impresa memorabile” per il centrodestra. Per Fabrizio Cicchitto ”è tutto ancora da verificare”, ma si può già dire che “Monti, Casini e Fini si sono assunti una grave responsabilità e hanno fatto un errore assai serio non accettando le proposte d’intesa avanzate a suo tempo dal Pdl”.
Commenta i primi risultati elettorali anche il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini: “Nella vita si vince e si perde. Abbiamo dato tutto noi stessi per un progetto di governabilità del Paese”. Casini ribadisce quindi la convinzione della scelta fatta: “Sapevamo che sarebbe stata una scelta di donazione del sangue, ma ne valeva pena”. In sintesi, “quando si fa una battaglia con onestà e serenità non si è mai sconfitti”.
Il sindaco di Verona Flavio Tosi (Lega Nord) commenta l’exploit dei grillini: “E’ un voto contro la Casta, contro il sistema. Grillo se va al governo rischia di cessaer la sua ragion d’essere”.
“Se davvero fosse Camera e Senato con maggioranze diverse, cambiare legge elettorale in pochi mesi e
tornare a urne al più presto!”. Lo scrive in un tweet Oscar Giannino, candidato premier di “Fare per Fermare il Declino”.
“Mi è scomparso il sorriso – commenta il sindaco di Milano Giuliano Pisapia -. Sono dati preoccupanti per il Paese, rendono impossibile formare un governo stabile, che faccia riforme”.
“Non commenteremo finchè non ci saranno dati statistici, e questi non lo sono”, afferma Lelio Alfonso, portavoce nazionale di Scelta Civica, rispondendo a chi gli chiedeva un commento ai primi dati elettorali.
“Avvertenza agli scienziati. Aspettate domani sera per lo scrutinio delle regionali… sorpresina in arrivo”. È quanto scrive su twitter il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio Francesco Storace, commentando gli instant pool di Piepoli per la Rai, sui risultati delle elezioni regionali nel Lazio.
“Elezioni 2013, altro che maledizione! Ci avete regalato un sogno: Monti sotto il 10%! Grazie a tutti”. Lo scrive l’ex ministro Giulio Tremonti in un tweet, commentando i primi instant poll. da Avvenire.it

CASINI: SI VINCE E SI PERDE
Pier Ferdinando Casini commenta a Tgcom24 le proiezioni sul voto. “Nella vita si vince e si perde. Pensavamo fosse giusto questo programma di governo del Paese che Monti ha portato avanti in questo anno. Ma gli elettori hanno sempre ragione e noi ci sbagliavamo”, dice. Sul flop Udc, il suo leader non ha “recriminazioni da fare”. Sul successo di Grillo: “Spero che la grande ondata di consenso non vada delusa, gli italiani non vanno mai delusi”. TGCOM

 BERSANI PERDE A CASA SUA
Nel paese del Piacentino dove è nato Pier Luigi Bersani, Bettola, vince ancora una volta il centrodestra. Al Senato, infatti, la coalizione guidata da Silvio Berlusconi ha 659 voti, il 41%, mentre il centrosinistra si è fermato a 525, il 32,6%. Ottimo il risultato del M5S con il 17,8%. Numeri confermati alla Camera: centrodestra 41,9% (700 voti), centrosinistra 31,6% (534), M5S 18,4 (312). TGCOM

Leave a Reply

Your email address will not be published.