Rosy Bindi, eletta con i voti dei Calabresi, gioca in Parlamento con il “tablet”

Rosy Bindi con il tablet in Parlamento

Rosy Bindi con il tablet in Parlamento

E’ stata eletta con i voti dei Calabresi e investe la loro fiducia in Parlamento non per segnalare tutte le cose che renderebbero più vivibile la bella Regione del Sud Italia, ma per curiosare e trascorre il tempo giocherellando con il tablet al gioco “trova la parola, date 4 immagini”. A questo punto anche noi vogliamo contribuire a fornire all’On. Rosy Bindi qualcosa con cui rilassarsi. Si concentri, caro Onorevole, sul Turismo in calabria, magari anche sull’Agroalimentare, se poi le rimane del tempo potrebbe investirlo sul dissesto idrogeologico e sull’erosione delle coste. ma le diciamo di più: provi anche a giocare a risolvere il problema della Sanità (ovviamente per gioco), della spazzatura, delle infrastrutture e dei Calabresi in generale, soprattutto di coloro i quali hanno avuto tanto buon cuore da farle riscaldare lo scranno che occupa senza parlare della generosa donazione che lei puntualmente riceve da tutti noi a fine mese. Ora, per favore, lo chiuda questo tablet  e prenda atto di quanto noioso sia stare in Parlamento senza fare per i calabresi. Le forniamo il nostro indirizzo perché vorremmo essere i primi a pubblicare tutte le cose buone e belle che lei ha risolto per il magnifico Popolo del Sud. Con l’occasione la invitiamo al convegno “Gesù è troppo, troppo, troppo buono!”

redazione@ilparlamentare.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.