1.2 C
Rome
domenica, Febbraio 28, 2021

Alta Corte dei Diritti dell’Uomo: arrivata la seconda condanna per l’Italia

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

maurizio belpietro-condanna italia-corte dei diritti dell'uomo
Maurizio Belpietro: si pronuncia a suo favore Alta Corte dei Diritti dell’Uomo

E’ giunta la seconda condanna per l’Italia. La prima ottenuta dall’istanza esposta all’Alta Corte di Strasburgo dal Giornalista napoletano Roberto Ormanni per la vicende giudiziaria che coinvolse il noto coreografo di RAIUNO Fabio Gallo; la seconda, eccola appena pronunciata dalla Grande Corte dei Diritti Umani, è per il caso Belpietro condannato a Milano a 4 mesi. Ora, esattamente come nel caso di Roberto Ormanni, l’Italia dovrà risarcire il Giornalista. Un evidente piaga che la politica italiana dovrà sanare, prima o poi perché, come dice l’Alta Corta di Strasburgo, “Condannare un giornalista alla prigione è una violazione della libertà d’espressione, salvo casi eccezionali”.

La prima condanna giunse all’Italia il 17 Luglio 2007 a favore del Giornalista Roberto Ormanni a favore del quale intervenne la sentenza dell’Alta Corte che tutela i Diritti fondamentali dell’Uomo che condannò il Governo italiano a risarcire i danni provocati al Giornalista Ormanni che, a parere dei Giudici di Stasburgo, aveva diritto di esprimere attraverso gli organi della Stampa il punto di vista del noto artista di RAIUNO che fu soggetto ad una vera e propria persecuzione da parte dell’allora Procuratore della Repubblica di Cosenza Alfredo Serafini. Una persecuzione senza precedenti nella storia giudiziaria italiana. Il procuratore, infatti, tentò in tutti i modi di trascinare il noto artista senza mai riuscirvi proprio grazie ai suoi stessi colleghi che in diverse sedi di giudizio proscioglievano puntualmente l’artista, anche dopo lunghi processi, proprio come quelli svoltisi nel Tribunale di Milano.

Oggi, la storia si ripete con il Giornalista Belpietro
Il direttore di “Libero”, Maurizio Belpietro, ha vinto il ricorso a Strasburgo contro la condanna per diffamazione inflittagli per la pubblicazione, nel novembre 2004, di un articolo ritenuto diffamatorio nei confronti dei magistrati Giancarlo Caselli e Guido Lo Forte. Per la Corte europea dei diritti dell’uomo, infatti, condannare un giornalista alla prigione è una violazione della libertà d’espressione. Lo Stato ora dovrà risarcire Belpietro.

La condanna a Belpietro – Maurizio Belpietro fu condannato per diffamazione a quattro mesi di carcere, poi sospesi, per aver pubblicato, nel novembre 2004, un articolo firmato da Raffaele Iannuzzi dal titolo “Mafia, 13 anni di scontri tra pm e carabinieri”, ritenuto diffamatorio nei confronti dei magistrati Giancarlo Caselli e Guido Lo Forte.

Per i giudici di Strasburgo: pena troppo severa – 
I giudici di Strasburgo nella sentenza spiegano che una pena così severa rappresenta una violazione del diritto alla libertà d’espressione del direttore di Libero. La Corte sottolinea infatti che Belpietro venne condannato dalla Corte d’Appello di Milano non solo a risarcire Lo Forte e Caselli per un totale di 110mila euro, ma fu anche condannato a quattro anni di prigione. Secondo la Corte è questa parte della condanna, anche se poi sospesa, a costituire una violazione della libertà d’espressione. La prigione per un reato commesso a mezzo stampa è quasi sempre contro la libertà di espressione – La Corte infatti ritiene che, nonostante spetti alla giurisdizione interna fissare le pene, la prigione per un reato commesso a mezzo stampa è quasi sempre incompatibile con la libertà d’espressione dei giornalisti, garantita dall’articolo 10 della convenzione europea dei diritti umani. Solo in circostanze eccezionali, come per esempio nel caso di incitamento alla violenza o di diffusione di discorsi razzisti, può essere ammessa. Secondo i giudici di Strasburgo, nonostante l’articolo di Iannuzzi sia stato giustamente considerato diffamatorio, esso non rientra in quei casi eccezionali per cui può essere prevista la prigione.
- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...