-2.8 C
Rome
mercoledì, Marzo 3, 2021

Matteo Renzi: partenza frenata dal Presidente Napolitano. Meglio riflettere.

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

matteo-renzi-presidente-consiglio-dei-ministri
Matteo Renzi – Presidente del Consiglio dei Ministri

di Alessandro Corneli /

Giorgio Napolitano ha imposto a Matteo Renzi una breve pausa di riflessione per formare la squadra di governo. Riflessione significa contrattazione con altre partiti politiche e ambienti che contano. Tra i nomi ch circolano, ce ne sono alcuni che non si vorrebbero sentire: uno per tutti, anche quello di Giuliano Amato all’Economia. Nessuno deve pensare che la recente nomina a giudice costituzionale sia la destinazione finale di questo personaggio. Il suo obiettivo era, e resta, il Quirinale. Napolitano farà di tutto perché ciò accada. Per questo motivo, è stato messo in circolazione anche il nome di Romano Prodi. I due potrebbero elidersi. Ma se l’uno o l’altro entrasse nel Governo, il ruolo di Renzi risulterebbe ridimensionato, e più in presenza di Amato che di Prodi.

Questo fa pensare che la “staffetta” Letta-Renzi sia meno semplice e lineare di quanto finora apparso. Ci sono in ballo due cose grosse, che marciano in parallelo. La prima è il posizionamento dell’Italia verso l’Europa. L’impressione è che Renzi voglia un po’ di briglia sciolta ma non si renda del tutto conto di che cosa questo potrebbe significare: un esempio per altri Paesi con ripercussioni destabilizzanti per gli equilibri europei. La seconda cosa grossa in ballo è la successione di Napolitano, appuntamento sempre decisivo nella storia della Repubblica. Napolitano ha garantito l’ancoraggio dell’Italia all’Europa. Il successore farà altrettanto?

La questione è stata così sintetizzata da Eugenio Scalfari (Repubblica, 16 febbraio): “Se rispetta gli impegni con l’Europa il suo governo sarà eguale a quello di Letta e non molto più veloce nelle realizzazioni; se non li rispetta innescherà il commissariamento europeo e i sacrifici ancora maggiori sugli italiani”. Come dire: con Renzi le cose non cambieranno rispetto al governo Letta ma se cambieranno, cambieranno in peggio. È una previsione  o è una minaccia? Tutto questo, prima di conoscere la sua squadra e il suo programma in dettaglio. Leggendo questo articolo, Renzi si sarà sentito forte e libero oppure no?

Eugenio Scalfari ha scritto su Renzi cose che, nel dibattito politico italiano, sono velenose. Ha scritto che “Renzi è un Berlusconi giovane”; che “somiglia moltissimo  Berlusconi per quanto riguarda le sue capacità di seduzione”. Ancora: “Il pregio di Renzi è sempre stato quello d’essere d’accordo con tutti affinché tutti siano d’accordo con lui. In più – e non è poco – ci mette la sua ‘smisurata ambizione’ e la sua smisurata vitalità”.

Si comprendere bene che ciò che non va giù è che Renzi si sia accordato con Berlusconi sulle riforme. Con due effetti. Il primo effetto è che Berlusconi ha confermato il suo appoggio alle riforme, purché non siano ritardate e rinviate (quindi c’è già l’ipotesi che lo siano, se non altro per prolungare la vita del Senato). Il secondo effetto è che è salita di colpo, improvvisamente, la polemica tra FI e NCD di Alfano. L’obiettivo è di ridurre il margine di manovra di Renzi, condizionandolo prima ancora che muova i primi passi. Facendo capire che anche lui è “transitorio” e che restare al governo fino al 2018 non dipende da lui.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...