5.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 12, 2021

Matteo Renzi “Style”: il Cielo ce la mandi buona con la Cassa Depositi e Prestiti

Must read

Movimento NOI scrive ad Elio D’Alessandro responsabile Sanità Lega Calabria. Chiamate Bortoletti

Il Portavoce Nazionale del Movimento NOI Fabio Gallo scrive al neo Responsabile del settore Sanità per la Lega Calabria Elio D'Alessandro al quale chiede il...

Scuola d’Estate: Favorevoli o Contrari?

Tra favorevoli e contrari il piano approvato dal MIUR sulla scuola d'estate fa discutere molto. Ma i dati sono chiari e la...

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

matteo-renzi-presidente-consiglio-ministri
Matteo Renzi – Presidente del Consiglio dei Ministri

di Alessandro Corneli /grrg.eu

Due archetipi della saggezza affermano, il primo, che “lo stile è l’uomo” e, il secondo, che “lo stile è anche la cosa”. Se si vuole essere maliziosi, si può dire che il Renzi-uomo ha surclassato il Renzi-cosa, non per caso, ma con la precisa volontà di attirare l’attenzione sulla forma della comunicazione così da leopardizzare il contenuto.

ECONOMISTI DICONO CHE NON CI SONO I SOLDI PER MANOVRE RENZI
Calcoli frettolosi fatti a caldo da associazioni ed economisti hanno certificato che i soldi non ci sono per fare in pochi mesi ciò che Renzi ha promesso; ma questo era scontato.  E poi di cose precise non ne ha indicate molte. Ha parlato di un taglio del cuneo fiscale a due cifre, il che significa, teoricamente, dal 10% al 99%. Ci si accontenterebbe anche del livello più basso, ma il punto è: basta il taglio del cuneo a indurre le imprese ad assumere? E a quali condizioni (contrattuali)? E se non ci sono ordinativi? No: il taglio del cuneo è una marcia alta che si può innescare quando si è raggiunta una buona velocità perché allora si mantiene questa e si riduce il consumo: non serve per la marcia di avvio.

NESSUNO HA TIRATO FUORI SOLDI CASSA DEPOSITI E PRESTITI
Saldo TOTALE dei debiti della PA verso le imprese. Sarebbe straordinario se la Cassa Depositi e Prestiti potesse fornire un assegno di almeno 60 miliardi. Qualcuno ha detto: se Letta avesse avuto quei soldi, non li forse avrebbe dati? Probabilmente sì, ma non è detto. Neanche Berlusconi, amico delle imprese, li ha tirati fuori.

LA SCUOLA: UNA BELLA IDEA
Bella l’idea di mettere a posto l’edilizia scolastica, anche perché gli interventi sono sparsi su tutto il territorio e a portata di piccole e medie imprese locali, a meno che non sorgano, all’uopo, aziende acchiappatutto. Ma questo è un aspetto del problema: la scuola E’ il corpo docente, non solo malpagato e sfiduciato (situazioni rimediabili), ma mediamente meno preparato rispetto a qualche decennio fa. E questo non si ripara facilmente. Lasciamo stare.

LE RIFORME: ELETTORALE, DEL SENATO E DEL TITOLO V
Le riforme: elettorale, del Senato e del Titolo V devono marciare insieme (per tranquillizzare il Ncd di Angelino Alfano). Ma la legge elettorale è una legge ordinaria ed è quasi pronta: si potrebbe approvare in poche settimane. Per le altre due riforme occorrono leggi costituzionali: se ne andrà almeno un anno. Che il Senato dia volentieri una mano per auto-distruggersi, è difficile. Che i potentati costruiti sugli Enti territoriali siano pronti a farsi tagliare, è altrettanto e forse più difficile.  O Renzi non se ne rende conto o si prepara a qualche svolta un po’ brusca, sperando di governarla.

SULL’EUROPA NON SI E’ CAPITO MOLTO
Sull’Europa è stato così chiaro da lasciare qualche dubbio
. Quali siano le sue vere intenzioni non si è capito. Logica vorrebbe che si attivasse per costituire un fronte comune con Francia, Spagna, Portogallo, Grecia e Irlanda per chiedere e imporre un ripensamento di quei criteri a cui è ancorata la politica di austerity. Ma segnali in questo senso non li ha dati. A mio avviso, questo è il punto oscuro di questo governo.

FORSE, UN GOVERNO, UNO STATO, E’ COSA PIU’ COMPLESSA DI QUANTO SI CREDA
Infine, ma non per le mani in tasca, a me sembra che Renzi non abbia idee chiare su che cosa siano un Governo, uno Stato, un sistema istituzionale. Ha sparato contro la burocrazia e i dirigenti inamovibili: se sa che questo potere alla burocrazia è stato dato dalla politica, avrebbe dovuto indicare con quali mezzi politici intende riorganizzare la burocrazia stessa. Di fatto, ogni ministro si ritroverà solo a fronteggiare la struttura del proprio ministero, quasi mai avendo competenze per dominarla.

Il coro di commenti negativi, sul Renzi-uomo e sul Renzi-cosa, non devono trarre in inganno. Per alcuni che contano, egli rappresenta solo un esperimento, un’altra fase di passaggio. Verso che cosa? Verso chi? È quello che vedremo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Movimento NOI scrive ad Elio D’Alessandro responsabile Sanità Lega Calabria. Chiamate Bortoletti

Il Portavoce Nazionale del Movimento NOI Fabio Gallo scrive al neo Responsabile del settore Sanità per la Lega Calabria Elio D'Alessandro al quale chiede il...

Scuola d’Estate: Favorevoli o Contrari?

Tra favorevoli e contrari il piano approvato dal MIUR sulla scuola d'estate fa discutere molto. Ma i dati sono chiari e la...

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...