5.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 12, 2021

Arrestato il prefetto di Benevento Ennio Blasco

Must read

Movimento NOI scrive ad Elio D’Alessandro responsabile Sanità Lega Calabria. Chiamate Bortoletti

Il Portavoce Nazionale del Movimento NOI Fabio Gallo scrive al neo Responsabile del settore Sanità per la Lega Calabria Elio D'Alessandro al quale chiede il...

Scuola d’Estate: Favorevoli o Contrari?

Tra favorevoli e contrari il piano approvato dal MIUR sulla scuola d'estate fa discutere molto. Ma i dati sono chiari e la...

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

ennio-blasco-prefetto-benevento
Il Prefetto di Benevento Ennio Blasco

Redazione IL PARLAMENTARE.IT/

Prima arrestano il Prefetto Franco La Motta dei Servizi Segreti e già Prefetto del FEC – Fondo per gli Edifici di Culto del Ministero dell’Interno; ora tocca al Prefetto di Benevento Ennio Blasco. Il cinico direbbe che ormai non c’è più niente da fare perché se sono corrotti anche i Prefetti ciò significa che siamo alla frutta. Invece, diciamolo, il fatto che taluni soggetti vengano assicurati alla Giustizia significa che in Italia qualcosa di vero e che funziona c’è, sia nella Giustizia che nei Servizi Segreti che in molti altri settori.

ENNIO BLASCO: PORTAMI UN PO DI SPESA
«Portami un po’ di spesa». Lo chiede Ennio Blasco al telefono ad Erasmo Caliendo. Siamo nel 2010 e Blasco è già prefetto di Avellino, lo è dal 10 gennaio del 2008, data dell’insediamento presso l’Ufficio territoriale per il Governo del capoluogo irpino.

Oggi sia Blasco che Caliendo sono agli arresti domiciliari, all’epoca, secondo gli inquirenti, avevano frequenti rapporti. Talmente costanti e talmente stretti che Erasmo Caliendo, cognato di Carmine Buglione, finito anche lui ai domiciliari con il fratello Carlo, andava di solito a fare la spesa per l’alto funzionario.

Lo stralcio di intercettazione che emerge dall’ordinanza del gip di Avellino, Fiore, che ha portato alle misure cautelari è breve. «Portami un po’ di spesa» dice Blasco a Caliendo, il quale risponde: «Che devo prendere, un po’ di frutta?», «Frutta è sicura, tolte le prugne che non mi piacciono, semmai un poco d’uva, vedi tu». La familiarità e la costanza di rapporti simboleggiati da questa intercettazione sono alla base della ricostruzione del menage esistente tra i tre imprenditori del settore della vigilanza privata e il prefetto nel periodo in cui quest’ultimo era a Avellino.

Leggi tutto su Il Mattino di Napoli.it 

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Movimento NOI scrive ad Elio D’Alessandro responsabile Sanità Lega Calabria. Chiamate Bortoletti

Il Portavoce Nazionale del Movimento NOI Fabio Gallo scrive al neo Responsabile del settore Sanità per la Lega Calabria Elio D'Alessandro al quale chiede il...

Scuola d’Estate: Favorevoli o Contrari?

Tra favorevoli e contrari il piano approvato dal MIUR sulla scuola d'estate fa discutere molto. Ma i dati sono chiari e la...

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...