-0.1 C
Rome
mercoledì, Dicembre 2, 2020

Expo 2015: “si” all’arresto di altri nove indagati.

Must read

NOI Rete Umana chiede la revoca delle elezioni regionali: Decreto irregolare.

L'associazione NOI Rete Umana - Movimento di Opinione Sociale, Culturale e Politico, assistita dall'avvocato Gian Paolo Stanizzi, ha chiesto la...

Movimento NOI a Mattarella: destituisca il Consiglio regionale della Calabria per l’Art. 126 della Costituzione.

a cura della Redazione/ Il Movimento NOI ha scritto al Presidente della Repubblica chiedendo di valutare lo scioglimento del...

Sanità Calabria, “NOI” al Governo: inviate il Colonnello Bortoletti. Lo chiedono i calabresi e risolve i problemi

di Fabio Gallo/ La questione Sanità in Calabria rischia una deriva molto pericolosa che potrebbe riflettersi come ulteriore...

expo-2015-milano
Milano Expo 2015

da Il Fatto Quotidiano – www.ilfattoquotidiano.it/

L’8 maggio il gip firmò gli arresti di Gianstefano Frigerio e Primo Greganti ma respinse la richiesta di custodia cautelare per altri indagati. A quel rigetto i pm milanesi si erano opposti e oggi i giudici hanno dato ragione alla Procura di Milano.

Quando l’8 maggio scorso l’inchiesta della Procura di Milano svelò l’esistenza di una cupola degli appalti – bipartisan – che puntava alla conquista di Expo il gip firmò gli arresti di Gianstefano Frigerio e Primo Greganti ma respinse la richiesta di custodia cautelare per altri indagati. A quel rigetto i pm milanesi si erano opposti e oggi il Tribunale del Riesame di Milano ha detto sì al carcere per altri nove indagati. Cuore dell’inchiesta non solo gli appalti per l’Esposizione Universale, ma anche Sogin, sanità lombarda, compresa la Città della Salute.

I pm, infatti, avevano fatto appello per chiedere l’arresto di due ex manager di Sogin, Giuseppe Nucci e Alberto Alatri, del presidente di Manutencoop, Claudio Levorato, coinvolto nel filone sulla Città della Salute, dell’ imprenditore Bruno Greco, di Walter Iacaccia, presunto ”mediatore agli ordini di Frigerio”, di Giovanni Rodighiero, presunto ”collaboratore” della cosiddetta della cupola. E poi ancora dei manager della sanità Patrizia Pedrotti, Paolo Moroni e Mauro Lovisari, di Paolo Leonardelli e Angelo Morini, imprenditori nel settore sanitario.

Le misure cautelari saranno eseguite soltanto se verranno confermate dalla Cassazione. Nell’ambito dell’inchiesta i pm Gittardi e D’Alessio avevano chiesto 19 arresti, ma il gip di Milano Fabio Antezza ne aveva accolti solo sette. Il Riesame per due posizioni, quelle degli ex manager di Sogin Giuseppe Nucci e Alberto Alatri, ha trasmesso gli atti per competenza territoriale ai magistrati di Roma. Accolti, invece, i ricorsi per altri nove, tra cui Walter Iacaccia e Giovanni Rodighiero, due presunti componenti dell’associazione per delinquere che avrebbe turbato appalti in cambio di tangenti, e Claudio Levorato, presidente di Manutencoop. Per quest’ultimo si tratta di arresti domiciliari come per alcuni manager della sanità lombarda, tra cui Patrizia Pedrotti. Il legale di quest’ultima, l’avvocato Claudia Shammah, ha spiegato che il provvedimento del Riesame è “assurdo, perché l’accusa di turbativa d’asta a carico della mia assistita è insussistente ed è incomprensibile che i giudici a distanza di mesi si richiamino al pericolo di inquinamento probatorio”.

Manutencoop Facility Management e il presidente Levorato, in una nota, “ribadiscono la propria totale estraneità rispetto alle ipotesi di reato per cui sta procedendo la Procura milanese”, avendo “sempre operato nel pieno rispetto delle regole e nella massima trasparenza“. Continua la lettura su www.ilfattoquotidiano.it

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

NOI Rete Umana chiede la revoca delle elezioni regionali: Decreto irregolare.

L'associazione NOI Rete Umana - Movimento di Opinione Sociale, Culturale e Politico, assistita dall'avvocato Gian Paolo Stanizzi, ha chiesto la...

Movimento NOI a Mattarella: destituisca il Consiglio regionale della Calabria per l’Art. 126 della Costituzione.

a cura della Redazione/ Il Movimento NOI ha scritto al Presidente della Repubblica chiedendo di valutare lo scioglimento del...

Sanità Calabria, “NOI” al Governo: inviate il Colonnello Bortoletti. Lo chiedono i calabresi e risolve i problemi

di Fabio Gallo/ La questione Sanità in Calabria rischia una deriva molto pericolosa che potrebbe riflettersi come ulteriore...

Sanitá Calabria: ora i Medici scendono in Piazza a Cosenza

Continua senza sosta il drammatico afflusso di pazienti positivi al Covid-19 presso il Pronto Soccorso. I lavoratori...