-4.9 C
Rome
domenica, Marzo 7, 2021

Venti di Guerra e mercati giù. Berlusconi pronto a incontrare Putin

Must read

La rete federativa nazionale Libertà Civica – Noi Popolari debutta con successo

Grande partecipazione ed entusiasmo all’incontro nazionale online del 3 marzo in occasione del battesimo di Libertà Civica - Noi Popolari. Abbiamo assistito...

Leonardo Sciascia, “Nient’altro che la Verità”. Il saggio di Pierfranco Bruni e Mauro Mazza. Entra e segui la Diretta

In occasione del Centenario della nascita di Leonardo Sciascia (Racalmuto, 8 gennaio 1921 - Palermo, 20 novembre 1989),la Biblioteca Nazionale di Cosenza, renderà omaggio ad...

Le Cose Nuove: Libertà Civica e Popolare che serve al nostro Paese

"Non chiediamo agli altri di creare cose nuove e di agire, decidiamo di farlo noi". Siamo profondamente emozionati! Nasce l'asse nazionale dei...

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

silvio-berlusconi-vladimir putin-russia-guerra-crisi
Silvio Berlusconi pronto a incontrare Vladimir Putin

Sono più che altro i venti di guerra a impensierire Silvio Berlusconi – riporta oggi Il Giornale.it – L’escalation di tensione sul fronte russo-ucraino è in cima ai pensieri di un Cavaliere che, dopo molto tempo, torna nella Capitale. Dicono controvoglia. Non è dato sapere se sia questo o altro il motivo principale per cui l’ex premier fa saltare un pranzo con i fedelissimi azzurri per fare il punto della situazione sull’agenda politica, limitando il summit ai soli Denis Verdini, Gianni Letta e Nicolò Ghedini. Così, ieri, palazzo Grazioli non viene preso d’assalto come di consueto da parlamentari e consiglieri politici. Un tavolo dove si parla di giustizia, economia, politica internazionale.

Tra Europa e Mosca la tensione è alle stelle e Berlusconi è sinceramente preoccupato e dispiaciuto, continua Il Giornale.it. Sarebbe pure pronto a dare un suo contributo per evitare che la situazione precipiti, forte del suo rapporto stretto e amichevole con Putin. Non a caso il Mattinale di ieri, quotidiana nota politica redatta dallo staff di Renato Brunetta, chiamava in causa proprio l’ex premier: «Crisi internazionali. La guerra in Ucraina da fermare. Il jihadismo che minaccia l’Europa. L’ultima carta è Berlusconi, che lo si voglia o no. Renzi rinnovi l’invito affinché Obama e Putin si incontrino per una nuova Pratica di Mare». A Pratica di Mare, maggio 2002, proprio anche grazie a Berlusconi ci fu lo storico summit in cui le 19 potenze della Nato e Mosca misero definitivamente la parola fine agli anni della Guerra Fredda. Ora, invece, tra Nato e Russia tornano ad essere scintille. Sempre il Ma ttinale consiglia Renzi: «Si opponga con nettezza all’ipotesi di una Ucraina nella Nato: sarebbe guerra garantita. Piuttosto (Pratica di Mare docet ) si coinvolga anche la Russia nella Nato, ridisegnando un ordine mondiale rispettoso di tutti i fattori in gioco. Il confronto armato va escluso a priori, si affronti il tema della fortissima, maggioritaria presenza di russi nel Donbass ucraino, e non si veda ostilmente la possibilità di una federazione ucraina di due Stati, senza modificarne i confini». Ma a impensierire Berlusconi non c’è solo il fronte russo ma anche quello israelo-palestinese e la minaccia sempre più feroce dell’Isis.

Sul fronte della politica interna, invece, la strategia del leader di Forza Italia non cambia: calma e sangue freddo. Nessun attacco a testa a Renzi anche se, dicono, il Cavaliere è sempre più deluso dal governo. Pare sia rimasto quasi sbigottito dal nulla presente nel decreto «sblocca Italia» e neppure la conferenza stampa dei «mille giorni» ha colpito positivamente il Cavaliere. Il quale riconosce che non ci sono risorse – il che può essere un’attenuante per l’inquilino di palazzo Chigi – ma valuta molto negativamente il «balletto» andato in onda sulla scuola. In effetti prima il governo aveva annunciato l’assunzione di ben 100mila docenti precari nel settore; poi aveva fatto una marcia indietro rimandando l’annuncio; quindi l’ulteriore frenata perché non ci sarà alcuna riforma della scuola ma soltanto delle «linee guida» previa l’apertura di un tavolo su cui discutere. Insomma, Renzi sta andando avanti a slogan vendendo molto fumo e poco arrosto. Spot, peraltro, gestiti in malo modo. Continua.

La delusione per quanto sta facendo il governo, tuttavia, non si tramuta in un attacco frontale a Renzi, anzi. Continua…

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

La rete federativa nazionale Libertà Civica – Noi Popolari debutta con successo

Grande partecipazione ed entusiasmo all’incontro nazionale online del 3 marzo in occasione del battesimo di Libertà Civica - Noi Popolari. Abbiamo assistito...

Leonardo Sciascia, “Nient’altro che la Verità”. Il saggio di Pierfranco Bruni e Mauro Mazza. Entra e segui la Diretta

In occasione del Centenario della nascita di Leonardo Sciascia (Racalmuto, 8 gennaio 1921 - Palermo, 20 novembre 1989),la Biblioteca Nazionale di Cosenza, renderà omaggio ad...

Le Cose Nuove: Libertà Civica e Popolare che serve al nostro Paese

"Non chiediamo agli altri di creare cose nuove e di agire, decidiamo di farlo noi". Siamo profondamente emozionati! Nasce l'asse nazionale dei...

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...