Diritti Umani alla Sana Alimentazione: nasce Expo Mondiale Dieta Mediterranea 2016

Riunita la prima sessione dei lavori per l'EXPO 2016. Presenti tutti i Delegati da Federazione Russa, Albania, Italia. Università, Scuola e Istituzioni parlano di Etica e Diritto dell'Uomo all'accesso al Cibo Sano nella sede della Pontificia Università Urbaniana.

expo-mondiale-dieta-mediterranea

Prima Sessione dei lavori presso la Pontificia Università Urbaniana per EXPO 2016

A cura della Redazione de ILPARLAMENTARE.IT/

Mentre Matteo Salvini si reca a Mosca per sbloccare l’embargo che sta ponendo in seria crisi le Aziende del Nord e non meno coloro i quali, nella Federazione Russa sono consumatori degli eccellenti prodotti delle stesse Aziende, la Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” apre i lavori nella sede della Pontificia Università Urbaniana della prima sessione dell’EXPO MONDIALE DELLA DIETA MEDITERRANEA 2016, il primo a carattere diffuso e sostenibile che si porrà come meta la valorizzazione del modello alimentare della Dieta  Mediterranea e del Diritto dell’Uomo all’accesso al Cibo Sano. La coincidenza che unisce il senso di responsabilità avvertito dalla Lega Nord e interpretato da Matteo Salvini e il lavoro della Fondazione “Paolo di Tarso” che nella prestigiosa sede dell’Università Pontificia siede allo stesso tavolo proprio con Partner della Federazione Russa, sembrerebbe voluta. Invece, è frutto della drammatica situazione in cui versano le Aziende e della capacità della Lega da una parte e della Fondazione “Paolo di Tarso”  dall’altra, di pensare nella stessa direzione, in maniere diverse, ma con la stessa efficacia. Ci sarebbe da pensare che c’è un’Italia di fondo cosciente e responsabile che si prodiga perché ha ben compreso i rischi che l’economia nazionale, dunque il lavoro e la stessa Democrazia stanno rischiando. Siamo felici di poter offrire spazio a queste due storia che ci hanno profondamente colpito e di cui ILPARLAMENTARE.IT, unitamente a tutte le Testate Giornalistiche del Gruppo ComunicareITALIA, si renderanno amplificatori presso la community della Rete. Oggi parliamo di come una piccola Fondazione possa diventare grande per la sua utilità sociale e per avere sposato un piano etico reale, concreto che alle spalle ha solo migliaia di ore di lavoro di tanti giovani qualificati che non si arrendono al vuoto dell’ignoranza. Siamo certi che sia le attività di Matteo Salvini e delle Lega nord che quelle della Fondazione Culturale “Paolo di Tarso”, pur non essendo un Partito politico, daranno i suoi frutti e noi ne saremo sempre testimoni in Rete.

ORE 15,30 HA INIZIO LA CONFERENZA PROGRAMMATICA SULL’EXPO 2016
A fare gli onori di casa la Prof.ssa Luana Gallo Presidente della Fondazione “Paolo di Tarso” e Mons. Renzo Giuliano, Consigliere della Fondazione che ha offerto all’EXPO 2016 una serie di spunti perché la visione Etica di EXPO 2016 possa concretamente apportare un contributo all’Umanità. Essi, saranno fonte d’ispirazione per lo svolgimento dell’EXPO (Clicca qui per leggere).

All’intenso pomeriggio di lavori sono intervenuti i primi prestigiosi Partner che hanno aderito all’EXPO 2016 e ne condividono il cammino che prenderà la forma di “Biennale”. Dunque – come ha evidenziato Fabio Gallo dei rapporti Istituzionali della “Paolo di Tarso” che ha coordinato i lavori – sarà un grande evento istituzionalizzato a carattere permanente che valorizzerà il mezzogiorno d’Italia e le Nazioni Partner. Etica e Diritti Umani saranno un impegno costante per EXPO del 2016.

expo-mondiale-dieta-mediterranea

Prima Sessione dei lavori presso la Pontificia Università Urbaniana per EXPO 2016

I PRESENTI ALLA PRIMA SESSIONE
E’ giunta a Roma dalla Federazione Russa la East – West Investment Group di Mosca, interessata al modello alimentare della Dieta Mediterranea e alla linea etica che caratterizza il progetto. L’EXPO 2016, infatti, si propone di valorizzare la produzione di Cibo Sano a partire dalle 5 regioni del Mezzogiorno d’Italia e, contestualmente, di animare una riflessione internazionale sui Diritti Umani all’accesso al Cibo Sano. A rappresentare il noto Gruppo di Mosca Mr. Corrado di Mauro e la Giornalista Асаль Хамраева.
La visione “etica” del progetto ha suscitato molto interesse anche in Albania dove la Fondazione “Paolo di Tarso” ha recentemente aperto una sua Delegazione affidata a Marco Angelotti, presente all’evento, che ha fatto da guida alle note Istituzioni albanesi Partner di EXPO 2016: la Fondazione IFAW – Indipendente Forum For the Albanian Woman presieduta dalla Dott.ssa Diana Çuli e la Fondazione “PAKT” presieduta dalla Dott.ssa Alma Lena, entrambe presenti ai lavori della prima sessione.
La visione originale e innovativa di EXPO 2016 ha suscitato anche l’interesse della Responsabile di Confindustria Albania per la Puglia Dott.ssa Simona Pino D’Astore, anch’essa presente alla prima sessione dei lavori.

expo-mondiale-dieta-mediterranea-2016

Logo EXPO 2016

L’EXPO 2016 E LA GOVERNANCE ALIMENTARE SOSTENIBILE DELLE NAZIONI UNITE
EXPO MONDIALE DELLA DIETA MEDITERRANEA 2016 si fa interprete delle linee guida della “Governance Alimentare Sostenibile” delle Nazioni Unite e si fa carico di offrire un contributo concreto alle “non communicable diseses” (ONU, Giugno 2014) ossia “malattie non trasmissibili” come cancro, diabete, disturbi cardiovascolari, problemi cronici dell’apparato respiratorio e obesità.

EXPO 2016, infatti, si propone di puntare sulla genialità dei Giovani (generazioni digitali) perché possano elaborare strumenti innovativi capaci di dare vita ad una comunicazione intelligente grazie alla quale consentire nell’immediato futuro al Sistema Sanitario Internazionale, un notevole risparmio di danaro. In tal senso la Fondazione ha già sottoscritto protocolli con i primi Istituti Alberghieri (davvero speciali) come quelli di Otranto, Vieste, San Giovanni Rotondo, individuando nella persona del Dirigente Scolastico Prof. Luigi Martano il Coordinatore per la Regione Puglia. Anche la Città di Otranto ha aderito rendendo disponibili storia, paesaggio e beni culturali di indubbio valore universale. E’ sufficiente pensare che il mosaico dell’Albero della Vita presente nel suo Duomo sarà il simbolo di Milano EXPO 2015. La Dott.ssa Alessandra Falangone ha portato i saluti e il messaggio dell’Alberghiero di Otranto pronto ad attivare progetti esclusivi per EXPO 2016.

expo-mondiale-dieta-mediterranea

Rappresentanti delle Istituzioni presenti alla prima sessione dei lavori di EXPO 2016 presso la Pontificia Università Urbaniana

TRA LE ISTITUZIONI E PROFESSIONALITA’ PRESENTI:
Sono intervenuti alla prima sessione lavori il Giornalista Dott. Massimo Persotti, comunicazione pubblica presso Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Coordinatrice Nazionale del “Movimento per la Dieta Mediterranea, Cibo Sano e Salute”, Dott.ssa Anna maria De Rose, il Direttore del Gruppo Editoriale di Rete ComunicareITALIA Dott.ssa Viviana Normando, Giornalista e Storico dell’Arte, l’Avvocato Rodolfo Folliero Consulente Legale della Fondazione, la Nutrizionista Dott.ssa Adriana Gallo, il Dott. Dino De Castro Managing partner presso Messeide.

expo-mondiale-dieta-mediterranea

Rappresentanti delle Istituzioni presenti alla prima sessione dei lavori di EXPO 2016 presso la Pontificia Università Urbaniana

EXPO 2016 E UNICAL NELLA CITTA’ DI RENDE (CS)
Presente all’Evento una delegazione dei 20 Masterizzandi del primo corso post-laurea in campo internazionale in “Dieta Mediterranea, Green Economy e Sostenibilità Ambientale”. Il Master è curato dal Di.BEST – Dipartimento di Bilogia, Ecologia e Scienze della Terra dell’UNICAL – Università della Calabria che, proprio in virtù di questa leadership e del suo Campus ritenuto il più bello d’Europa, immerso nel verde degli uliveti di Arcavacata di Rende (Cosenza), ha già sottoscritto protocollo per essere sede della Conferenza Mondiale dell’Esposizione. Gli eventi saranno molti e ben uniti da logica ed esperienza. La Puglia, così come altre regioni, sarà protagonista con i risvolti che è facile immaginare in termini di contributo alle economie locali e all’occupazione dei Giovani. I Masterizzandi dell’UNICAL saranno i primi “Manager” della Dieta Mediterranea e Sicurezza Alimentare e in questa veste è stato loro concesso di far parte del Comitato Organizzatore di EXPO 2016. La Delegazione presente: Dott.ssa Anna Corapi, Dott.ssa Antonietta Mezzotero, Dott. Corrado Rossi, Dott.ssa Gabriella Tassoni, Dott.ssa Silvia Lanzafame, Dott.ssa Eleonora Cafiero, Dott.ssa Renata Menniti, Dott. Vincenzo Luccisano, Dott. Marco Bombini, Dott.ssa Concetta Donadio, Dott. Piervincenzo Caruso.

EXPO 2016 SARA’ INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA TRADIZIONE
Tra le peculiarità dell’EXPO 2016 numerose innovazioni al servizio del bene comune. L’EXPO della Dieta Mediterranea è caratterizzato da un indubbio “Potere della Rete” di cui beneficeranno coloro i quali aderiscono. La Fondazione “Paolo di Tarso”, infatti, ha già realizzato una serie di piattaforme e applicativi già in rete che saranno lanciate a breve. EXPO 2016, quindi, è già iniziato nelle sue forme di cooperazione e comunicazione in Rete grazie ad un gruppo di esperti che sono già a disposizione dei Partner locali e internazionali. Tra essi esperti di programmazione come Augusto Amoroso, di gestione della conoscenza e intelligenza connettiva come Fabio Gallo e di comunicazione sociale come Eleonora Cafiero e Viviana Normando.

L’IDEA SUI CUI STANNO LAVORANDO EAST – WEST-INVESTMENT GROUP DI MOSCA E FONDAZIONE “PAOLO DI TARSO”
La partnership di EXPO 2016 sta lavorando per aprire nuovi modelli di mercato patrocinati da Master Brand Etiche. E’ il Caso della EAST-WEST INVESTMENT GROUP di Mosca che sta lavorando con la Fondazione “Paolo di Tarso” sulla istituzione di una canale di import – export “etico” che sia capace di garantire l’esclusiva veicolazione di Cibo Sano. Sarebbe una buona emersione dall’attuale embargo visto che migliaia di Aziende serie sarebbero tutelate dallo strapotere dell’imitazione che, tra l’altro, danneggia gravemente non solo l’economia dei produttori onesti, bensì la salute dei cittadini Russi, in questo caso. Lo scopo delle due Organizzazioni partner, infatti, è proprio quello di tutelare la salute dei cittadini. Il modello, ovviamente, grazie ai Partner dell’EXPO 2016 sarà allargato ad altre Nazioni.

2 Responses to "Diritti Umani alla Sana Alimentazione: nasce Expo Mondiale Dieta Mediterranea 2016"

  1. francesco lena  1 agosto 2018 at 14:32

    Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia veda se ritiene utile pubblicarla, grazie.
    C’è bisogno di più umanità.
    C’è bisogno di più umanità, l’obiettivo del diritto alla vita va perseguito, aprire il cuore e la mente,
    prendere coscienza, portare aiuti ai bambini nel mondo, ammalati, che muoiono di fame e di sete.
    C’è bisogno di più umanità, costruire ponti verso l’atro, aprire le frontiere, porte e porti,
    mettersi al servizio di chi è in grave difficoltà nel mare, salvarli ci rende migliori, più umani e più forti.
    C’è bisogno di più umanità, con umiltà praticare buone azioni, concrete e con generosità,
    superare l’egoismo, per portare aiuti ai poveri, ai senza tetto, con una vera solidarietà.
    C’è bisogno di più umanità, verso gli ammalati, sia garantito il diritto alla salute, ai vecchi e bambini con amore e semplicità,
    prendersi cura e portare, un sorriso, una carezza e l’ascolto, donerà loro tanta serenità.
    C’è bisogno di più umanità, aprirsi al mondo e avere una visione positiva nei confronti degli immigrati,
    sono una risorsa sana, culturale e sociale per la società, per la famiglia umana e per noi tutti.
    C’è bisogno di più umanità, saper dire no alla costruzione di armi e svuotare gli arsenali,
    per riempire i granai, avere la pace sulla nostra madre terra e da mangiare per tutti.
    C’è bisogno di più umanità, rispetto tra persone, ascoltare e, ascoltarsi nella verità,
    costruire, buone idee, proposte, condividerle, per contribuire a migliorare la società e l’umanità.
    C’è bisogno di più umanità, amare e amarsi tra persone, voler bene alla vita e a tutta l’umanità,
    dialogare, collaborare, salvaguardando sempre la dignità di ogni persona, con pura onestà e sincerità.
    C’è bisogno di più umanità, di uguaglianza per tutti i cittadini del mondo, di giustizia democrazia e di libertà,
    in questa nostra bella e grande famiglia umana, ci sia unità, fratellanza, pace e serenità per tutta l’umanità.
    Francesco Lena Via Provinciale, 37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

    Rispondi
  2. francesco lena  22 maggio 2018 at 17:15

    Gentile Redazione le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.
    Ai nuovi governanti, propongo alcuni punti da inserire nel programma di governo.
    1 Un piano per il miglioramento dei trasporti passeggeri, in particolare quello ferroviario, per superare i grandi disagi dei pendolari, studenti cittadini e lavoratori.
    2 Particolare attenzione alla Sanità pubblica, abolire le lunghe liste di attesa su esami, visite specialistiche e prestazioni sanitarie. Combattere il clientelismo, sprechi, su appalti di acquisto materiale lavori edilizi e prestazioni sanitarie, poi fare controlli efficaci, sulle convenzioni con privati.
    3 Impegno per rafforzare l’unione europea, perché conviene a tutti i cittadini ha garantito 70 anni di pace, adesso è arrivato il momento di impegnarsi per raggiungere l’obiettivo di una vera unione politica, economica e sociale.
    4 Un programma urgente per prevenire gli infortuni sui posti di lavoro, con un’educazione, formazione dei lavoratori e dei datori di lavoro, rispetto delle regole per la sicurezza e la salute sui posti di lavoro, la vita è un valore umano il più alto, va salvaguardata sempre.
    5 Proseguire gli investimenti nella cultura, nella ricerca, sulla conservazione dei beni artistici, dei musei, favorendo l’aumento dei visitatori e lo sviluppo del turismo.
    6 Un piano per investimenti per il rispetto e la tutela dell’ambiente, del territorio e dell’agricoltura, favorendo con incentivi economici e di strutture per la ripopolazione, delle nostre belle colline, montagne e zone abbandonate.
    7 Blocco dell’IVA, negli ultimi anni è stato fatto e ci ha garantito prezzi dei beni di prima necessità bassi, salvaguardando il potere di acquisto dei cittadini.
    8 Un piano per combattere il lavoro sommerso e l’evasione fiscale, bisogna dare più potere ai comuni, la polizia locale sa dove si annidano, il lavoro nero e l’evasione fiscale, una volta individuati segnalarli alla guardia di finanza e agli ispettorati del lavoro.
    9 Fare una bella informazione, formazione dei cittadini, per fare prendere coscienza che pagare le tasse è un dovere e ci sono le leggi che vanno rispettate, servono allo stato per darci dei servizi alla comunità, ai cittadini, dalla sanità pubblica alla scuola, le forze dell’ordine pubblica sicurezza e tanti altri servizi alle persone. Se pagassero tutti il dovuto, si pagherebbe, tutti meno e avremmo servizi migliori, poi abolire i contanti e obbligo di pagare con carte di credito.
    10 Bisogna combattere seriamente le mafie, la corruzione, la malavita organizzata, grosso problema per i cittadini, per la società e per il nostro meraviglioso paese.
    11 Gli immigrati, non serve giurare sul Vangelo e poi non accetarli, respingerli e guardati male, il problema degli immigrati va gestito con intelligenza, responsabilità e soprattutto con grande umanità, se gestito bene, può essere una risorsa per il nostro paese e per l’Europa, visto il calo demografico, poi hanno una dignità da rispettare.
    12 Il reddito di cittadinanza è assistenzialismo, bisogna creare posti di lavoro per i giovani e meno giovani, dare loro una dignità, non c’è proprio bisogno, esiste già il reddito d’inclusione, la cassa integrazione, la disoccupazione.
    13 Mettere nel programma di governo, con l’ aiuto concreto di personale, economico, di strutture e strumenti adeguati, per i più deboli, dei più bisognosi, per le famiglie che hanno a carico persone diversamente abili e dei vecchi non autosufficienti.
    14 Altro che giurare sul vangelo e proclami di razza bianca e d’insulti e parole dispregiative nei confronti di avversari politici, la razza è una sola, quella umana, il rispetto degli avversari politici e delle persone è un grande valore umano, ora è arrivato il momento di mettersi a lavorare per il bene comune.
    Francesco Lena Via Provinciale,37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel. 035956434

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.