5.8 C
Rome
lunedì, Ottobre 26, 2020

Il Caso Meredith: la Cassazione smentisce se stessa

Must read

Sanità e Covid19: lettera aperta a Conte, Lamorgese e Speranza dal Movimento NOI

La questione Sanità nell'Ospedale Civile di Cosenza preoccupa cittadini, medici, infermieri e oss per l'aumento esponenziale dei casi di Covid19 e per...

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

corte-di-cassazione
a cura dell’ Avvocato Giovanni Borrelli/

La quinta sezione della Suprema Corte di Cassazione ha assolto gli imputati  Amanda Knox e Raffaele Sollecito, dal reato loro ascritto, di concorso in omicidio in danno di Meredith Kercher, non essendo stata raggiunta la prova della loro colpevolezza. Con tale sentenza definitiva, resta unico colpevole Rudy Guede, già condannato alla pena di anni sedici, in concorso con altri, avendo beneficiato della riduzione concessa dal  rito abbreviato.

La Corte ha, dunque, applicato il noto principio di civiltà giuridica “in dubio pro reo“, per cui il nostro sistema dovrebbe eticamente uscirne rafforzato, se non contraddicesse tale sentenza altra decisione, sempre della stessa Corte di Cassazione  del 26 marzo 2013, che aveva ritenuto che gli odierni imputati, ritenuti estranei al fatto delittuoso,  dovessero ritenersi concorrenti nell’omicidio con l’imputato reo confesso Rudy Guede. Esistono , dunque, indubbiamente forti contraddizioni che potranno pero’ essere chiarite solo con la motivazione.

Certo é però che,  tale sentenza,  se soddisfa ampiamente gli imputati assolti, che potranno pretendere anche un risarcimento per la ingiusta detenzione e l’unico colpevole beneficiare di permessi premio, avendo scontato parte della pena, vedrà unici perdenti sia la vittima che la sua famiglia, penalizzata oltre che moralmente anche economicamente, per aver  dovuto affrontare notevoli esborsi processuali, solo per ottenere una verità che ormai non avrà più. Ritengo che alla  luce di tali eclatanti sconfitte un po di autocritica ed esame di coscienza da parte di tutti noi non guasterebbe .

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Sanità e Covid19: lettera aperta a Conte, Lamorgese e Speranza dal Movimento NOI

La questione Sanità nell'Ospedale Civile di Cosenza preoccupa cittadini, medici, infermieri e oss per l'aumento esponenziale dei casi di Covid19 e per...

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

Sergio Mattarella al Festival Nazionale dell’Economia Civile

Ufficio Stampa del Quirinale/ Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato alla giornata inaugurale della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile, che si...