-12.3 C
Rome
martedì, Marzo 2, 2021

Italicum: la Camera mette la fiducia, bagarre in aula. Renzi soddisfatto

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

 Il Parlamento
Il Parlamento

C’è chi come Renato Brunetta ha evocato il “fascismo” o chi come Renato Scotto (Sel) ha parlato di “funerale della democrazia” – riporta l’Agenzia ANSA – (mentre i deputati di Sel lanciavano crisantemi sui banchi del governo). Sono volati anche insulti indicibili da parte di Maurizio Bianconi e dei deputati di M5s, a danno del vice capogruppo del Pd Ettore Rosato e della Presidente Laura Boldrini che, in base al regolamento e ai precedenti, aveva giudicato ammissibile la fiducia sulla materia elettorale. Renzi ha preferito i “social” alla presenza in Aula, e su twitter ha scritto: “Dopo anni di rinvii noi ci prendiamo le nostre responsabilita’ in Parlamento e davanti al Paese”; e poi la sfida: “La Camera ha il diritto di mandarmi a casa se vuole: la fiducia serve a questo. Finche’ sto qui, provo a cambiare l’Italia”. Parole confermate in serata da Boschi: “quello che temo è l’immobilismo e la palude” e la fiducia “fa chiarezza” perché evita “voti segreti, tranelli e trabocchetti”.

La minoranza Dem è in rivolta. Annunciano il no alla fiducia Pippo Civati, Stefano Fassina, e Alfredo D’Attorre in modo prevedibile, ma anche l’ex capogruppo Roberto Speranza, che però spacca la sua corrente, Area Riformista: alcuni come Nico Stumpo e Davide Zoggia voteranno sì la fiducia, me non si pronunciano per sul voto finale, mentre altri come Dario Ginefra e Antonio Misiani voteranno sì all’una e all’altro. Ma ci sono anche alcuni big, come Enrico Letta e Pierluigi Bersani, che non voteranno la fiducia, pur uscendo dall’Aula per evitare il “no”. E’ proprio il voto finale, a scrutinio segreto, che resta l’ultima incognita, anche se il governo è convinto che avrà il soccorso di molti deputati di Fi e M5s. Il Vietnam potrebbe invece riguardare la riforma costituzionale, all’esame del Senato, dove la minoranza Dem è determinante.

Cogliendo di sorpresa anche molti deputati della maggioranza del Pd, il governo ha posto la fiducia sulla riforma elettorale alla Camera, dopo aver superato senza patemi d’animo due voti segreti sulle pregiudiziali all’Italicum, presentate dalle opposizioni. Una scelta, quella di Matteo Renzi, presa nella convinzione che la minoranza Dem avrebbe tentato “il colpo” su un ben preciso emendamento a scrutinio segreto, che se fosse andato in porto avrebbe rispedito la riforma in Senato. Tale scelta però non solo ha sollevato le proteste delle opposizioni, ma anche quelle della minoranza Dem, con alcuni dei suoi big (come Enrico Letta e Pier Luigi Bersani) che non parteciperanno al voto, ed altri addirittura che negheranno la fiducia. Prodromo di un possibile strappo che non potrà essere ignorato dal gruppo e dal partito.

Intanto Matteo Renzi usa la Rete per dire che fino a quando il Parlamento non lo toglierà, lui tenterà di cambiera l’Italia. Si vedrà.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...