1.3 C
Rome
venerdì, Ottobre 30, 2020

EXPO 2015: New York Times, l’Italia è rimasta indietro di 30 anni

Must read

Sanità e Covid19: lettera aperta a Conte, Lamorgese e Speranza dal Movimento NOI

La questione Sanità nell'Ospedale Civile di Cosenza preoccupa cittadini, medici, infermieri e oss per l'aumento esponenziale dei casi di Covid19 e per...

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

new-york-times
the new york times

In occasione dell’apertura di Expo 2015 Roger Cohen, un editorialista del New York Times, è venuto a Milano e ha raccontato il suo viaggio sulle colonne del prestigioso quotidiano americano. Il giornalista ha vissuto più di 30 anni fa in Italia e secondo lui non è cambiato molto da allora. Il quadro che ne esce del nostro Paese è piuttosto impietoso.

L’Italia secondo lui è un Paese che non ha saputo cambiare ed evolvere soprattutto su certi aspetti come quello dell’efficienza che secondo Cohen “è una delle cose che l’Italia non ha imparato dalla modernità”. E così inizia una “triste” lista di inefficienze che Cohen ha trovato venendo in Italia: le navette che portano dall’aereo allo scalo di Linate sono le stesse di trent’anni fa, il bancomat dell’aeroporto è rotto, il banco informazioni è deserto. Poi il giornalista arriva in città e incontra i manifestanti che rompono vetrine e incendiano auto. La scena così gli permette di scrivere che “lo Stato è debole in Italia”.

Dopo le critiche arriva anche qualche elogio per il nostro Paese, ma non mancano i soliti cliché che ci rappresentano da anni all’estero. Cohen parla di noi come un Paese con famiglie forti, grandi sentimenti di amicizia, un Paese dove ci si lamenta di dover lavorare il primo maggio per accogliere i turisti, un Paese dove è quasi impossibile lavorare e produrre, ma ideale per godersi la vita e passare il tempo, un Paese che lui definisce “pieno di curve”, pericolose e affascinanti allo stesso tempo. Insomma il quadretto non dei più edificanti per l’Italia e seppur infastiditi dobbiamo ammettere che in alcune critiche un fondo di verità c’è e che se chi viene dall’estero nel nostro Paese poi si lamenta non ha per forza e sempre tutti i torti. Diretta News TV

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Sanità e Covid19: lettera aperta a Conte, Lamorgese e Speranza dal Movimento NOI

La questione Sanità nell'Ospedale Civile di Cosenza preoccupa cittadini, medici, infermieri e oss per l'aumento esponenziale dei casi di Covid19 e per...

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

Sergio Mattarella al Festival Nazionale dell’Economia Civile

Ufficio Stampa del Quirinale/ Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato alla giornata inaugurale della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile, che si...