-3.3 C
Rome
mercoledì, Gennaio 20, 2021

Primarie e leadership, scontro a distanza tra Berlusconi e Salvini

Must read

Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 “sì”

Roma, 18 gen. (askanews) – Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 sì, oltre...

Donne e “senso di responsabilità” celebrano la fondazione dei Popolari

A cura della RedazioneAlla vigilia della ricorrenza del giorno 18 Gennaio nel corso del quale Don Luigi Sturzo promuoveva la nascita...

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Lo scontro, per ora, è a distanza ed è inevitabilmente ovattato dall’imminenza del voto regionale e dunque dal comune interesse di alleati. Ma il nodo del futuro del centrodestra (e soprattutto della sua leadership) è un nervo scoperto e dunque, appena lo si tocca, le scintille sono inevitabili. Oggi il botta e risposta è tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, ma in futuro rischia di essere un uno contro tutti.

Perchè ormai tra gli attori in campo, il solo Cavaliere è rimasto a osteggiare l’ipotesi di primarie (sono “manipolabilissime”, dice) mentre i veri leader a suo giudizio sono quelli che sceglie il popolo attraverso le urne. “Soltanto nelle monarchie – spiega – il leader, cioè il re, sceglie il suo successore. In democrazia il leader viene scelto dal popolo”. Tutti gli altri leader del centrodestra, invece, considerano le primarie l’unica strada: e questo vale per Raffaele Fitto così come per Angelino Alfano e, appunto, Matteo Salvini.

E così, se Silvio Berlusconi racconta di essere pronto a seguire la politica da “bordo campo” come padre nobile ma di avere già in mentre 3-4 possibili successori, il leader della Lega replica: “Non ci sono eredi e dinastie ma cittadini – attacca – che dovranno scegliere il programma e i candidati per sfidare Renzi. Non penso ci sia un diritto di sangue”.

Anche Berlusconi, dal canto suo, riserva una stoccata all’ambizioso leader del Carroccio. “Non è con una destra che si pone in prospettiva provocatoria rispetto ai governi – sostiene – che si riesce a catturare un consenso tale da riuscire a governare”.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 “sì”

Roma, 18 gen. (askanews) – Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 sì, oltre...

Donne e “senso di responsabilità” celebrano la fondazione dei Popolari

A cura della RedazioneAlla vigilia della ricorrenza del giorno 18 Gennaio nel corso del quale Don Luigi Sturzo promuoveva la nascita...

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Ue, Von der Leyen: mantenere le politiche di bilancio di sostegno

Per ritorno a Patto stabilità servono le condizioni, non scadenze. La clausola di...