1.3 C
Rome
venerdì, Ottobre 30, 2020

Carlo Guccione: la Terra della Regione Calabria a chi desidera lavorarla. Presentazione di successo.

Must read

Sanità e Covid19: lettera aperta a Conte, Lamorgese e Speranza dal Movimento NOI

La questione Sanità nell'Ospedale Civile di Cosenza preoccupa cittadini, medici, infermieri e oss per l'aumento esponenziale dei casi di Covid19 e per...

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

carlo guccione-regione calabria-agricoltura
Carlo Guccione – primo firmatario del Progetto di Legge Regionale

Redazione ILPARLAMENTARE.IT /Sede Calabria/

E stata presentata  agli Organi della Stampa dal Consigliere della Regione Calabria Carlo Guccione il Progetto di Legge Regionale grazie al quale si propone di attribuire tutti i terreni incolti della Regione a chi, Giovani e meno, desidera metterli a frutto. La presentazione agli Organi della Stampa è stata un successo e, per dovere di cronaca, bisogna meditare e approfondire questo progetto che ha tutti i requisiti per una vera rivoluzione agraria e a favore di una moderna economia agroalimentare. Oggi non esistono contadini ma imprenditori, essendo divenuta la Terra, materia da trattare con scienza in obbedienza alle mille normative dettate dall’Europa. Si apre per questo uno scenario che non è di sussistenza o subalternità, noto trucchetto della politica per acquisire voti, ma una vera e propria rivoluzione etica che guarda alle nuove generazioni di laureati, capaci di trasformare la terra in “oro verde”.

UN RITORNO ALL’UMANESIMO
Possiamo certamente dire che è in atto quel processo di ritorno alla centralità dell’Essere Umano predetto dal Decano dell’Economia Agroalimentare Fausto Cantarelli nel corso delle sue lezioni nel Master in Dieta Mediterranea e Sostenibilità Ambientale diretto dalla prof.ssa Luana Gallo presso l’Università della Calabria. Un ritorno all’Umanesimo, ad un rapporto cosciente con la Terra e l’Ambiente che ci nutrono e offrono sostentamento e libertà economica. Valori oggi espressi anche da una BIENNALE che sta aggregando istituzioni di ogni ordine e grado e che ha scelto di affidare il suo sviluppo proprio ai Giovani Manager allievi dell’Economista Agroalimentare Fausto Cantarelli e che, non a caso, hanno presenziato alla Conferenza.

Un progetto che ILPARLAMENTARE.IT reputa più che opportuno, attesi i tempi, anche in virtù della conservazione e attribuzione delle Terre che, diversamente, potrebbero essere acquistate da multinazionali o società estere con conseguenti danni al Made in Italy e alla tradizione regionale della Calabria, in materia di prodotti agricoli, nota in tutto il mondo. Il Progetto di Legge – ha dichiarato il Consigliere Carlo Guccione – è aperto. Il suo titolo: “Occupazione nel settore Agricolo: dismissione e locazione di terreni agricoli a vocazione agricola”.

laratta-bevacqua-guccione-oliverio
Da Sx: Franco Laratta, Domenico Bevacqua, Carlo Guccione, Nicodemo Oliverio

Carlo Guccione è il primo firmatario e presenti alla Conferenza a fornire il loro contributo il Consigliere Regionale Domenico Bevacqua (cofirmatario del Progetto, PD), Franco Laratta (Consigliere ISMEA-PD) e Nicodemo Oliverio (capogruppo Pd in commissione Agricoltura della Camera dei Deputati). Nel corso della Conferenza Carlo Guccione ha citato il Presidente del Coordinamento Nazionale Antimafia “Riferimenti” Adriana Musella e la sua proposta di far convergere all’interno della Proposta anche i terreni confiscati alla mafia. 

CARLO GUCCIONE, LA TERRA: DA INCOLTA AD OPPORTUNITA’ PER I GIOVANI
“È la prima volta – ha esordito Carlo Guccione – che, attraverso una proposta di legge, i terreni di proprietà della Regione vengono coinvolti in un progetto che servirà a trasformarli da incolti a opportunità per creare lavoro per i giovani che vogliono intraprendere una attività imprenditoriale agricola, ingrandire la propria attività e incentivare il ricambio generazionale in agricoltura. Il governo nazionale con il ministro Martina ha fatto un buon lavoro mettendo già a disposizione i terreni di proprietà dello Stato e con questa proposta vogliamo che la Calabria sia tra le prime Regioni a rendere produttive le terre incolte contribuendo così al rilancio del settore.

LA REGIONE VENDERA’ O AFFITTERA’
La Regione venderà o affitterà per la prima volta i suoi campi ai giovani che vogliono diventare imprenditori agricoli. Si tratta di terreni pubblici adatti alla coltivazione, a volte frazionati in piccole parti ma più spesso incolti. L’idea è di riportarli a nuova vita trasformandoli in una occasione di lavoro per le nuove generazioni.

TERRA: TANTA, QUANTO NOVEMILA CAMPI DI CALCIO
Sul piatto ci sono oltre 7000 ettari di terreni agricoli della Regione a cui si possono aggiungere quelle dei Comuni e i terreni confiscati alla mafia – per un totale corrispondente ad oltre 9 mila campi da calcio – che saranno concessi in affitto o ceduti a giovani che s’impegnano per i prossimi 20 anni a destinare quelle terre alla coltivazione o che già hanno un’impresa agricola. Si potrebbero creare così 350 nuove aziende con almeno 20 ettari di terreni agricoli a disposizione. Nella legge è previsto un corso di formazione finalizzato all’acquisizione del titolo di conduttore agricolo per duemila giovani calabresi che vogliono intraprendere l’attività di imprenditori agricoli.

GESTIONE TRASPARENTE LA REGOLA FERREA
Vendita e affitto saranno soggette ad una logica di ferrea trasparenza. Per i terreni che hanno valore superiore ai 100mila euro (il calcolo si basa sulla rendita fondiaria) si procederà tramite asta pubblica mentre nel caso in cui i campi messi in vendita abbiano valore inferiore, si farà ricorso a procedura negoziata (pubblicazione dell’elenco dei terreni sulla stampa e sul sito della Regione). Il ricavato della vendita e locazione dei terreni sarà destinato dalla Regione alla riduzione del debito pubblico”.

ADRIANA MUSELLA SOSTIENE IL PROGETTO DI LEGGE
Nel corso della conferenza, Guccione ha detto che anche Adriana Musella, presidente del coordinamento nazionale antimafia “Riferimenti”, sostiene convintamente la proposta di legge sull’utilizzo dei terreni agricoli abbandonati poiché potrebbe rappresentare un utile strumento per favorire e rendere più efficiente l’utilizzo dei terreni confiscati alla mafia.

PRESENTE LA BIENNALE PER IL DIRITTI UMANI AL CIBO SANO
Presenti alla Conferenza Stampa i manager della Dieta Mediterranea e Sostenibilità Ambientale Eleonora Cafiero, Marco Bombini, Antonietta Mezzotero e Silvia Lanzafame, appartenenti allo staff della  BIENNALE della Dieta Mediterranea per i Diritti Umani al Cibo Sano. Si tratta di parte degli esperti che hanno prodotto l’App della Dieta Mediterranea (Mdiet) che si è rivelata l’unica innovazione tecnologica di settore a sostegno dell’Agricoltura presentata nell’Esposizione Universale di Milano. Anche la BIENNALE, come Adriana Musella, è convinta che il Progetto di Legge arrivi al momento giusto perché la Calabria possa esprimere sul mercato i frutti di un’Agricoltura innovativa che sia opportunità per coltivare, in modo particolare, il rispetto dei Diritti Umani sia al Cibo Sano che alla sostenibilità dell’Ambiente, che al lavoro.

Il Progetto di Legge in PDF – CLICCA QUI

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Sanità e Covid19: lettera aperta a Conte, Lamorgese e Speranza dal Movimento NOI

La questione Sanità nell'Ospedale Civile di Cosenza preoccupa cittadini, medici, infermieri e oss per l'aumento esponenziale dei casi di Covid19 e per...

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

Sergio Mattarella al Festival Nazionale dell’Economia Civile

Ufficio Stampa del Quirinale/ Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato alla giornata inaugurale della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile, che si...