-0.3 C
Rome
lunedì, Gennaio 18, 2021

A Santo Stefano d’Aspromonte un grave sfregio rivolto all’Antimafia.

Must read

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Ue, Von der Leyen: mantenere le politiche di bilancio di sostegno

Per ritorno a Patto stabilità servono le condizioni, non scadenze. La clausola di...

In Norvegia 23 anziani morti forse per reazioni al vaccino Pfizer

Roma, 16 gen. (askanews) – Hanno contribuito a peggiorare le condizioni dei più fragili. Alcuni dei decessi...

santo-stefano-d'Aspromonte
Sfregio rivolto alla cultura Antimafia a Santo Stefano d’Aspromonte

Redazione de ILPARLAMENTARE.IT/ Antimafia/

Calabria – Un gravissimo gesto contro la cultura della legalità è stato compiuto in Calabria, a Santo Stefano d’Aspromonte. A denunciarlo è il Coordinamento Nazionale Antimafia “Riferimenti” presieduto da Adriana Musella. Il grave atto di barbarie è stato compiuto nella notte all’interno dell’Istituto scolastico di Santo Stefano d’Aspromonte ai danni della stele intitolata ai giudici antimafia Falcone, Borsellino, Scopelliti.

Adriana Musella-GerberaGialla-Antimafia
Adriana Musella Presidente del Coordinamento Nazionale Antimafia “Riferimenti” con il Presidente del Senato Pietro Grasso

“La stele era stata inaugurata lo scorso 23 maggio dalla passata amministrazione comunale, nell’aniversario della strage di Capaci – ha affermato Adriana Musella – e l’atto perpetrato in sfregio alla memoria e al valore dell’impegno antimafia deve ritenersi ancor più grave perché consumato all’interno di un istituto scolastico.

Adriana Musella - Nicola Gratteri
Adriana Musella – Nicola Gratteri

Il Coordinamento “Riferimenti” ha segnalato alle autorità competenti uno strano clima che si respira nella cittadina aspromontana dove nello spazio di pochi mesi la comunità di recupero Exodus viene sfrattata dalla nuova Amministrazione comunale dopo ben 25 anni ,parte dei consiglieri comunali è dimissionaria e una stele alla memoria antimafia del nostro Paese distrutta all’interno di un plesso scolastico .

Alla luce di tutto ciò il Coordinamento chiede un attenta verifica del risultato elettorale.

 www.riferimenti.org

LEGGI ANCHE:
http://www.ilparlamentare.it/2015/08/riferimenti-da-reggio-calabria-denuncia-monopolio-su-beni-confiscati-alla-mafia/

http://www.ilparlamentare.it/2015/09/terra-e-agricoltura-per-rompere-la-catena-della-morte-sociale-nicola-gratteri-con-adriana-musella-per-exodus/

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Ue, Von der Leyen: mantenere le politiche di bilancio di sostegno

Per ritorno a Patto stabilità servono le condizioni, non scadenze. La clausola di...

In Norvegia 23 anziani morti forse per reazioni al vaccino Pfizer

Roma, 16 gen. (askanews) – Hanno contribuito a peggiorare le condizioni dei più fragili. Alcuni dei decessi...

Cresce “Pagina Bianca”, la Federazione Civica “StopMalaPolitica e Corruzione”

a cura della Redazione/ Continua a crescere la Federazione Civica "Pagina Bianca" proposta del...