Tu Sposa: l’evento del Mezzogiorno che fa sognare

Tu Sposa è l'evento del Mezzogiorno d'Italia che fa sognare i giovani e riunisce centinaia di espositori un un contesto di assoluta bellezza. Organizzazione perfetta.

tu sposa, rende, antonella campanella

Tu Sposa, l’Evento Glamour dedicato ai futuri Sposi

E’ prevista per giorno 14 gennaio l’inaugurazione della fiera del wedding. Centinaia gli espositori presenti, provenienti dalla Calabria, dalla Puglia, dalla Sicilia e dalla Campania, per una quattro giorni che si candida a essere attrazione centrale per tutta la provincia di Cosenza. Evento da non perdere!

abiti da sposa,tu sposa

Nella Foto da Sx: Abiti da Sposa Galvan e Demetrios

È tutto pronto per la terza edizione di “Tu sposa”, la grande fiera del wedding che aprirà giovedì 14 gennaio, alle ore 16:30, con l’inaugurazione a opera del sindaco Marcello Manna. Centinaia gli espositori presenti, provenienti dalla Calabria, dalla Puglia, dalla Sicilia e dalla Campania, per una quattro giorni che si candida a essere attrazione centrale per tutta la provincia di Cosenza. L’evento si terrà nei capannoni Lucmar, presso la zona industriale di Rende, e l’ingresso sarà gratuito ogni giorno. Ci saranno spazi dedicati ai bambini, attrazioni, l’isola del gusto con la possibilità di assaggiare piatti e prelibatezze offerte dagli espositori, e la crociera che Costa metterà in palio per la coppia che sarà estratta da quelle che si registreranno.

tu sposa, antonella campanella

Nella Foto: Abito collezione Pronovias

Venerdì Roberto Farnesi, attore protagoniste delle Tre Rose di Eva, incontrerà pubblico ed espositori. Sabato 16, alle 17, il grande ritorno di Marco Baldini, star della radio nazionale. Domenica 17 gennaio, infine, la grande sfilata con Elisabetta Gregoraci che farà da madrina.
«Siamo lieti di avere impresso una svolta qualitativa a un settore che è in forte espansione – hanno dichiarato gli organizzatori – e che vede la Calabria tra le protagoniste nazionali. È una manifestazione che dimostra come si possano realizzare strumenti aggregativi senza spendere un euro pubblico, nella speranza che nasca proprio a Rende un quartiere fieristico che serva tutta l’area urbana».

Leave a Reply

Your email address will not be published.