9.5 C
Rome
giovedì, Maggio 6, 2021

Calabria, Morra (M5S): “In Regione si continua a sperperare denaro pubblico, produrremo denuncia”

Must read

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

Movimento NOI: siamo chiamati a rendere efficace la politica

di Fabio Gallo/ "La Democrazia in Calabria e da oggi in Sicilia, si declina con il nome del...

Covid19, Scuola e Famiglia. SI DAD e NO DAD a confronto.

La Scuola sta cambiando e si avvia verso il futuro nel quale la didattica digitale ha il suo peso. Ne parliamo, insieme....

nicola-morra
“Non bastavano i cinque giornalisti in organico senza concorso, ora se ne aggiunge un sesto scelto senza alcuna evidenza pubblica. L’Ufficio di Presidenza del consiglio regionale e il segretario generale Maurizio Priolo si fanno beffa della legge” – a porre l’attenzione sull’ufficio stampa regionale è il Portavoce al Senato Nicola Morra del Movimento 5 Stelle.

“Fa piacere che i revisori dei conti si siano svegliati dicendo no all’ennesima nomina, attuata dal segretario questore, Neri – prosegue Morra – E’ il giovane Irto, però, che dovrebbe chiedere scusa alle centinaia di professionisti calabresi disoccupati”.

“Il Consiglio regionale continua a mantenere in organico i signori Romano Pitaro, Gianfranco Manfredi, Filippo Diana, Luisa Lombardo e Cristina Cortese, tutti assunti illegittimamente senza concorso, tutti caporedattori e vice caporedattori” – il portavoce al Senato del Movimento 5 Stelle che ha già presentato un’interrogazione sulla questione precisa – “Queste persone percepiscono stipendi che oscillano tra i 50 e gli 80 mila euro netti l’anno. Il dlgs 165/2001, il codice civile, in conformita agli artt 3 e 97 della Costituzione, vieta espressamente le assunzioni senza concorso nella Pa”.

Morra richiama quanto detto dal ministro: “La Madia ha chiesto il licenziamento di queste persone, ma L’Ufficio di Presidenza e il segretario generale hanno fatto finta di niente”.

Il pentastellato, Morra, conclude: “Una vergogna che produrrà condanne penali ed erariali per i responsabili, un insulto alla Costituzione, una illegalità che fa inorridire, sulla quale produrremo denuncia formale nei prossimi giorni”.

Fonte Dario Elia

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

Movimento NOI: siamo chiamati a rendere efficace la politica

di Fabio Gallo/ "La Democrazia in Calabria e da oggi in Sicilia, si declina con il nome del...

Covid19, Scuola e Famiglia. SI DAD e NO DAD a confronto.

La Scuola sta cambiando e si avvia verso il futuro nel quale la didattica digitale ha il suo peso. Ne parliamo, insieme....

Nel Movimento NOI i “Popolari” di Sturzo e Toniolo coerenti nelle scelte

La Redazione/ I Popolari hanno una nuova bandiera e un nuovo simbolo di cui è stato fatto dono...