Carlo Guccione: Sanità allo sbando. Asp di Cosenza con 250 milioni di pignoramenti.

Situazione gravissima. Il Consigliere regionale della Calabria Carlo Guccione: "Contenziosi e pignoramenti toccano quota 250 milioni di euro, il 25% del bilancio annuale dell’Asp di Cosenza. Bisogna costituire subito un pool di personale amministrativo e avvocati in grado di contrastare il fenomeno"

On.le Carlo Guccione

On.le Carlo Guccione Consigliere regionale della Calabria e Coordinatore della coalizione “la Grande Cosenza”

Di Fabio Gallo/

Contenziosi e pignoramenti toccano quota 250 milioni di euro, il 25% del bilancio annuale dell’Asp di Cosenza. L’ospedale di Cosenza diventa un caso nazionale ma fa solo da ambasciatore di una situazione davvero drammatica che sta procurando una vera rivoluzione in rete. Bravi Medici colti da infarto a causa dello stress da una parte e disfunzioni da terzo mondo dall’altra. Politici che si sono auto sospesi dal Partito Democratico come l’On. Giuseppe Aieta di Cetraro, Presidente della Commissione Bilancio della Regione Calabria e l’On. Carlo Guccione, anche lui PD, che sulla questione ha aperto un vero e proprio caso anche a Cosenza, incontrando i vertici dell’Asp. Il dramma nella Sanità colpisce direttamente la dignità umana, viola i Diritti Fondamentali dell’Uomo e non può essere più rimandato il termine per l’avvio di una soluzione permanente. Se entri con una gamba rotta esci con un cartone e non con un gesso. Non conosciamo ancora i motivi ma è così. Abbiamo le foto e le testimonianze. Tutti parlano di Sanità e lo fanno con molta diplomazia anche i due Commissari assegnati dal Governo Renzi, chiaramente incapaci di trovare rimedio. Ma in fondo, in Calabria, regnerà sempre il Grande Silenzio, fino a quando a queste voci della politica non si unirà anche quella dell’intera Società Civile.

LA SITUAZIONE DENUNCIATA DALL’ON. CARLO GUCCIONE
Cosenza –  giovedì 20 ottobre 2016 - “Dall’incontro con il direttore generale dell’Asp di Cosenza, dottor Raffaele Mauro, e da quello precedente con il direttore generale dell’AO, dottor Achille Gentile, è emersa la necessità che in Pronto soccorso non arrivino codici bianchi e verdi, che rappresentano l’82% degli accessi. I codici bianchi e verdi non devono essere gestiti in Pronto soccorso ma dalla rete sanitaria territoriale (Casa della salute, Unità complesse di cure primarie, Centri di aggregazione funzionale territoriale) in tutta la provincia di Cosenza. E serve una maggiore integrazione fra gli ospedali Spoke e l’Hub dell’Annunziata. Abbiamo incontrato i due direttori generali alla luce dell’ordine del giorno che abbiamo presentato e che sarà discusso lunedì 24 ottobre in consiglio comunale sulla situazione dell’ospedale dell’Annunziata e della sanità in provincia di Cosenza”.

E’ quanto afferma Carlo Guccione, consigliere comunale e coordinatore della coalizione La Grande Cosenza.

SANITA’ COSENZA SITUAZIONE GRAVISSIMA: RISULTANO PIGNORATI 150 MILIONI DI EURO
“Ma il dato che ci preoccupa maggiormente – continua Carlo Guccione – è quello espresso dal dg dell’Asp, dottor Raffaele Mauro: risultano pignorati presso il tesoriere dell’Asp circa 150 milioni di euro e risulta in essere un contenzioso di oltre 100 milioni di euro. Pignoramenti e contenziosi rappresentano il 25 % del Bilancio dell’Asp”. “È un fenomeno preoccupante. C’è bisogno di fare chiarezza su come si arrivati fino a questo punto. È arrivato il momento – sottolinea Carlo Guccione – di capire se sono stati effettuati doppi pagamenti e se l’Asp è stata rappresentata adeguatamente nelle sedi legali competenti. Da subito bisogna mettere in atto tutte le misure necessarie per rafforzare l’ufficio legale dell’Asp attraverso l’implementazione di forza lavoro specializzata, di personale amministrativo e di nuovi avvocati in grado di seguire i procedimenti e contrastare il fenomeno. E’ impensabile e assurdo che con i soldi destinati alla salute dei cittadini calabresi si paghino milioni di interessi di mora e spese legali”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.