No Profit a Giuseppe Aieta, “Attrattori Culturali” di 31 Comuni considerati “Perle” del Tirreno, assenti.

cetraro, giuseppe aieta, beni culturali, turismo, fondazione paolo di tarso

Cetraro – Fontana del Nettuno – Centro Storico – Piazza del Popolo – Palazzo del Trono – Museo dei Brettii e del Mare

Redazione Gruppo ComunicareITALIA/

Incredibile a credersi ma sulla meravigliosa Costa Viola, esattamente su quella parte di Litorale Tirrenico che attraversa vere e proprie perle di alto valore culturale e paesaggistico come Maratea, Praia a Mare, San Nicola Arcella, Santa Maria del Cedro, per passare da Diamante, Cetraro, Guardia Piemontese e ancora per Fuscaldo, per Paola e come se non bastasse per San Lucido, Fiumefreddo, Falerna, Amantea e così, fino a raggiungere ben 31 Comuni di straordinaria bellezza anche poggiati sui monti limitrofi, non risultano “aree di attrazione culturale e rilevanza nazionale agevolabili” come da Allegato 1 del Decreto Ministeriale dell’11 Maggio 2016 REP. 243 del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

L'On. Giuseppe Aieta Presidente Commissione Bilancio della regione Calabria, il Sottosegretario On. Dorina Bianchi e il Ministro Dario Franceschini

L’On. Giuseppe Aieta Presidente Commissione Bilancio della regione Calabria, il Sottosegretario On. Dorina Bianchi e il Ministro Dario Franceschini

La questione ha richiamato l’attenzione di alcune No Profit che hanno chiesto l’intervento dell’On. Giuseppe Aieta, Presidente della Commissione Bilancio della Regione Calabria che conosce bene l’importante Patrimonio Culturale del territorio relativo ai 31 Comuni riuniti in Rete, perché ne sia immediatamente informato sia il Sottosegretario On. Dorina Bianchi che il Ministro ai Beni Culturali Dario Franceschini.

In base al citato Decreto, se un Comune o un’Impresa dei Comuni su citati, quindi, volessero partecipare ai Bandi, dovrebbero fare riferimento ad “Attrattori Culturali” completamente scollegati dalla propria Memoria, dalla propria tradizione, e magari distanti centinaia di chilometri.

maratea, beni culturali

Visuale panoramica del Cristo di Maratea – Statua del Redentore – Monte San Biagio

Accade che in questo vastissimo territorio saturo di Beni Culturali d’interesse nazionale e internazionale di assoluta eccellenza e che occupa ben due regioni e tre provincie, in base all’allegato 1 del Decreto su citato, non esistono, contrariamente alla realtà, aree di attrazione culturale di rilievo nazionale.

Cetraro - Porto Turistico - Lega Navale

Cetraro – Porto Turistico – Lega Navale

A notare questo dettaglio che dettaglio non è, le No profit “Il Borgo dei Mestieri e la Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” impegnate in una profonda ricognizione del Patrimonio Culturale dei 31 Comuni riuniti in Rete per aderire al Piano di Azione Coesione 2017–2013 “Interventi per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale” – Linea di azione 2 – Progettazione per la Cultura. Volendo, infatti, partecipare anche al Bando “Cultura Crea” con i 31 Comuni, le No Profit si sono imbattute nei contenuti del su citato Decreto e una volta presane visione, si sono rese conto che in totale assenza di “Attrattori Culturali” del territorio di riferimento degli stessi Comuni, avrebbero potuto partecipare al Bando, ma solo valorizzando attrattori culturali di altri territori in elenco distanti anche centinaia di chilometri dai propri interessi. Da qui la richiesta d’intervento alle Istituzioni governative del territorio, al fine di colmare in via definitiva questo vuoto strategico.

Cetraro - Porto Turistico - Caratteristico Veliero ormeggiato

Cetraro – Porto Turistico – Caratteristico Veliero ormeggiato

Non intendiamo indagare i motivi per cui non sono stati segnalati tutti quei Beni da considerare “Attrattori Culturali” d’interesse nazionale e internazionale – hanno dichiarato le No profit – ma va detto che non trovare tra queste perle del Tirreno Beni Culturali di altissimo valore attrattivo, è come non trovare nei Musei Vaticani un’Opera d’Arte sacra.

Amantea - Centro Storico - Collegiata di San Biagio - Chiesa Matrice del 1677

Amantea – Centro Storico – Collegiata di San Biagio – Chiesa Matrice del 1677

In tal senso, le No Profit, hanno segnalato la questione al Cons. Giuseppe Aieta, Presidente della Commissione Bilancio della Regione Calabria, il quale ha ritenuto di attivare tutti i meccanismi istituzionali del caso, informando i Sindaci dei 31 Comuni ai quali ha chiesto un elenco di Attrattori Culturali da segnalare al Ministero competente. Per “Attrattori Culturali” – come da Decreto Ministeriale – si intendono Musei, Aree e Parchi Archeologici, Complessi Monumentali,  Parchi e Giardini storici.

Paola - Basilica Santuario di San Francesco di Paola

Paola – Basilica Santuario di San Francesco di Paola

In tal modo, anche tutte le imprese che volessero in futuro aderire a bandi simili, potranno contare su attrattori del proprio territorio, rafforzativi della propria identità culturale e non dovranno fare riferimenti ad attrattori altri territori che snaturerebbero anche il senso di appartenenza culturale delle aziende.

Basilica antica del Santuario di San Francesco di Paola XVI Secolo - luogo di pellegrinaggio internazionale

Basilica antica del Santuario di San Francesco di Paola XVI Secolo – luogo di pellegrinaggio internazionale

In virtù di quanto su descritto, i 31 Comuni con Capofila la Città di Cetraro, nota anche per il suo splendido Porto turistico e per essere radicata nella cultura benedettina, i cui segni sono evidenti e raccolti nel Museo e Palazzo della Cultura nel cuore del Centro Storico, si riuniranno a breve per discutere della valorizzazione del loro Grande Patrimonio Culturale, il cui nome del Progetto che li ha uniti in Rete, ne è espressione senza timore di smentita: CALABRIA E BASILICATA “ETERNA BELLEZZA”.

Basilica antica del Santuario di San Francesco di Paola XVI Secolo - luogo di pellegrinaggio internazionale

Basilica antica del Santuario di San Francesco di Paola XVI Secolo – luogo di pellegrinaggio internazionale

“Provvidenziale – ha dichiarato il Consigliere regionale Prof. Giuseppe Aieta – il lavoro delle No Profit, senza il quale i 31 Comuni avrebbero rischiato di dissolvere il senso del proprio apporto culturale e produttivo in direzioni diverse da quelle suggerite dal Patrimonio Culturale del proprio territorio. Anche in futuro quindi, Comuni e imprese, avrebbero disperso le proprie energie e dovuto rinunciare a partecipare ai bandi, non perché privi di Attrattori Culturali di riferimento nel proprio territorio, bensì perché essi non risultano, evidentemente, ancora segnalato.

Biblioteca - Basilica Santuario di San Francesco di Paola XVI Secolo - luogo di pellegrinaggio internazionale

Biblioteca – Basilica Santuario di San Francesco di Paola XVI Secolo – luogo di pellegrinaggio internazionale

Solo per dirne una – ha commentato il Consigliere Aieta, appare strano che la Basilica Santuario di Paola, luogo di culto e di cultura che attrae visitatori da tutto il mondo, non sia citato nell’elenco.

E giusto per porre un sigillo alle parole del Consigliere On. Giuseppe Aieta, in attesa di segnalare al Sottosegretario competente On. Dorina Bianchi e al Ministro Dario Franceschini l’elenco degli Attrattori Culturali dei 31 Comuni, vale la pena di dare uno sguardo a quanto rappresenta in termini di Bellezza il Santuario di San Francesco di Paola che proprio contestualmente al Giubileo della Misericordia indetto da Papa Francesco, sta celebrando il suo VI Centenario dalla nascita con un calendario di Eventi, patrocinati da apposito Comitato Istituzionale della Regione Calabria, entrati nel mondo anche grazie a RAI WORLD. Si veda www.francescodipaola.info  o direttamente www.francescodipaola.info/luoghi/paolaindex.html

Leave a Reply

Your email address will not be published.