3.8 C
Rome
lunedì, Marzo 1, 2021

Il silenzio assordante della desertificazione economica. “Il Re del Mondo è Mammona”

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Il deserto dell'economia sembra vincere
Il deserto dell’economia sembra vincere

A cura di Paolo Callari/

Esprimere, sintetizzando, quando la tua Patria è in liquidazione, è davvero complicato. I governi si sfaldano per ricomporre nuove basi elettorali, si sa che i voti come i soldi valgono per la loro quantità piuttosto che per il sottostante valore dell’etica e della qualità, almeno così funziona la Democrazia che abbiamo conosciuto fino ad oggi, lasciando, di fatto, ai mercati di governare.

Il movimentismo risulta fallimentare perché l’arte della polemica contro tutto e tutti implode verso le loro stesse file, e, nei blog o nelle aule governative, non c’è moderatore che possa riportarli all’ordine perché il loro botteghino di adepti è troppo denso di fanatismo vuoto di significati organizzativi e giurisprudenziali.

La contrazione dei costi è diventato l’ordine perentorio che non punta più agli investimenti ma al loro perfetto contrario. Le periferie, e non di certo le elites, esprimono quel voto, tacciato di populismo, che altro non è che la voce degli esclusi. Non credo che la storia recente abbia mai avuto pagine da scrivere come di questi giorni.

Raccogliamo i frutti di semine mancate per rischio percepito più elevato del necessario per l’investitore istituzionale e privato. Mentre la Grecia rischia di essere espugnata del suo territorio per l’eccesso di debito pubblico e per l’ingresso incontrollato delle popolazioni nomadi, l’Italia s’incarta in faccende di segreteria e faccendieri che poco hanno a che fare con le necessità impellenti della base elettorale che a brevissimo sarà convocata per esprimere una preferenza a chi sarà più capace di riscontrare la fiducia per il mandato incondizionato al governo che verrà.

Le piattaforme digitali vendono i prodotti e i servizi attraverso il sistema degli indici di gradimento espressi in stelline come peraltro le applicazioni che scarichiamo sul cellulare. Il mercato ha le sue leggi che prescindono dalle legislazioni dei perimetri normati dalle costituzioni nazionali.

Assurdo degli assurdi: Il Re del Mondo è Mammona.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...