3.5 C
Rome
lunedì, Marzo 1, 2021

Luigi Di Maio: su data primarie M5s accusa: “Il Pd vuole pensioni d’oro”

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Duro scontro tra Pd e M5s sulla data delle primarie al 30 aprile, che allontanano la possibilità di tenere elezioni politiche a giugno. “La scelta del 30 aprile – ha detto Piero Fassino in direzione – risolve un problema non banale: si chiude definitivamente il dibattito sul voto politico a giugno”. Immediato l’attacco via Twitter (rilanciato da Beppe Grillo) di Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera. “Il Pd ha appena annunciato le primarie il 30 aprile impedendo il voto a giugno per arrivare almeno a settembre. Miserabili!”, scrive l’esponente M5s lanciando l’hashtag #primarieperlapensione.

“Applausi al Pd – rincara sullo stesso social network di il deputato Danilo Toninelli – che è riuscito nel suo piano: rinviare le elezioni a dopo agosto per intascarsi le pensioni d’oro!”. E i deputati accusano: “Niente voto a giugno, il Pd blocca il Paese con le sue #primarieperlapensione!“. Per i Dem il primo a replicare, con ironia, è il presidente Matteo Orfini. “Dai Luigi – scrive – lo so che è dura vivere in un partito in cui i leader li sceglie una Srl invece di milioni di persone, ma non prenderla così male”. Stessa linea quella di Ettore Rosato. “Un partito moderno, europeo e democratico – afferma il capogruppo Dem alla Camera – nei fatti sceglie così i suoi leader e non in una riunione d’azienda, né tra i follower di un sito web”.

“Le primarie Pd – taglia corto il senatore renziano Andrea Marcucci – sono vere, serie, democratiche. Tutte cose che Di Maio e M5s ignorano, per loro conta solo la voce del padrone”.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...