-3.7 C
Rome
martedì, Gennaio 31, 2023

Loving Vincent, un film su tela raccontando Van Gogh

Must read

Simona Loizzo (Lega) al ministro Sangiuliano “Biblioteche nazionali a rischio chiusura per mancanza di personale”. E parla di digitalizzazione

La redazione de ILPARLAMENTARE.IT/ E' in Commissione Cultura della Camera dei Deputati che la Parlamentare Simona Loizzo (Lega)...

Elezioni Regionali: la Regione non è la Serie B della politica. Il Generale Giampiero Cardillo scrive agli elettori

(Lettera aperta agli elettori del Lazio di un candidato: l’Arch.Giampiero CARDILLO, Generale in pensione nei Carabinieri) Il Lazio è...

Premiato nella Capitale, delegittimato nella sua città: Fabio Gallo riceve a Roma la “Medaglia d’Oro” Maison des Artistes per “Metaverso Cosenza”

di Roberta Mazzuca – Ildispaccio.it/  “Si tratta, a questo punto, di testimoniare il vero. Il primo cittadino, il Sindaco,...

Veneto, calano i fumatori. Zaia: «Trend opposto al resto d’Italia»

A cura di Michela Nicolussi Moro/ Corrieredelveneto.corriere.it/ Con un trend opposto rispetto all’andamento registrato nel resto d’Italia il Veneto festeggia...

Loving Vincent
“Loving Vincent”: lungometraggio interamente dipinto su tela.

L’arte appassiona, educa al bello, traina il turismo, arricchisce le persone, contamina le altre espressioni creative. L’arte al cinema è ormai un trend affermato, popolare, con ogni anno nuove proposte per un pubblico curioso e devoto. Per la stagione 2017-2018 ecco intanto un’anticipazione.

Il 29 luglio è l’anniversario della morte di Vincent Van Gogh, che si spense a Auvers-sur-Oise il 29 luglio 1890. Il mistero della sua fine, a soli 37 anni, così come la vita dell’artista olandese sono al centro di un film originale, il primo lungometraggio interamente dipinto su tela, che arriva nelle sale italiane, per il progetto La Grande Arte al Cinema, il 16, 17, 18 ottobre: “Loving Vincent”.

Loving Vincent
Realizzato elaborando le tele dipinte da un team di 125 artisti, il film è composto da migliaia di immagini, create nello stile di Vincent van Gogh (1853-1890), da pittori che hanno lavorato per mesi per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Opera dello studio Breakthru productions -vincitore dell’Oscar per il cortometraggio animato Pierino e il lupo- il film racconta, attraverso 120 quadri e 800 documenti epistolari, la vita dell’artista olandese fino alla morte misteriosa, avvenuta a soli 37 anni e archiviata come caso di suicidio. Ma le cose andarono davvero in questo modo? Un team d’eccezione ha dato vita a un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura e che sta appassionando tanto da aggiudicarsi anche il Premio del Pubblico al Festival d’Annecy.
Loving Vincent, scritto e diretto da Dorota Kobiela & Hugh Welchman, prodotto dalla polacca BreakThru Films e dall’inglese Trademark Films, è distribuito in Italia da Nexo Digital e Adler.
È stato in primo luogo un film recitato da attori, e in seguito dipinto a mano inquadratura per inquadratura con la pittura a olio. L’effetto finale è l’interazione tra la performance degli attoriche assumono il ruolo dei ritratti di Vincent, e la performance degli animatori dei dipinti, che hanno trasformato questi personaggi in pittura. Loving Vincent ha come protagonisti volti famosi abbinati ai noti dipinti che rappresentano:

• Douglas Booth (Jupiter: il destino dell’universo, Noah) nel ruolo di Armand Roulin
• Eleanor Tomlinson (Poldark, Il cacciatore di giganti) nel ruolo di Adeline Ravoux
• Jerome Flynn (Game of Thrones) nel ruolo del Dottor Gachet (il dipinto che ha detenuto il record di quadro col prezzo più alto per quattordici anni, il periodo di tempo più lungo di sempre)
• Saoirse Ronan (nomination Oscar per Brooklyn e Espiazione) nel ruolo di sua figlia Marguerite Gachet
• Chris O’Dowd (Le amiche della sposa, IT Crowd) è Postman Joseph Roulin
• John Sessions (Filth-Il lercio, Gangs of New York) nel ruolo del fornitore di pittura di Vincent, Pere Tanguy
• Aidan Turner (Poldark, Lo Hobbit) è il Barcaiolo nel dipinto di Vincent, La riva dell’Oise ad Auvers
• Helen McCrory (Harry Potter) nel ruolo di Louise Chevalier, la domestica del Dottor Gachet
• e presenta l’attore di teatro Robert Gulaczyk nel ruolo protagonista del film, Vincent Van Gogh

il 29 luglio sarà l’anniversario della morte di Van Gogh, che si spense a Auvers-sur-Oise proprio il 29 luglio 1890.

Parallelamente il 16, 17, 18 ottobre arriverà al cinema distribuito da Nexo Digital e Adler nell’ambito del progetto de La Grande Arte al Cinema “Loving Vincent”, il primo lungometraggio interamente dipinto su

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Simona Loizzo (Lega) al ministro Sangiuliano “Biblioteche nazionali a rischio chiusura per mancanza di personale”. E parla di digitalizzazione

La redazione de ILPARLAMENTARE.IT/ E' in Commissione Cultura della Camera dei Deputati che la Parlamentare Simona Loizzo (Lega)...

Elezioni Regionali: la Regione non è la Serie B della politica. Il Generale Giampiero Cardillo scrive agli elettori

(Lettera aperta agli elettori del Lazio di un candidato: l’Arch.Giampiero CARDILLO, Generale in pensione nei Carabinieri) Il Lazio è...

Premiato nella Capitale, delegittimato nella sua città: Fabio Gallo riceve a Roma la “Medaglia d’Oro” Maison des Artistes per “Metaverso Cosenza”

di Roberta Mazzuca – Ildispaccio.it/  “Si tratta, a questo punto, di testimoniare il vero. Il primo cittadino, il Sindaco,...

Veneto, calano i fumatori. Zaia: «Trend opposto al resto d’Italia»

A cura di Michela Nicolussi Moro/ Corrieredelveneto.corriere.it/ Con un trend opposto rispetto all’andamento registrato nel resto d’Italia il Veneto festeggia...

«Riina, lei è catturato per mano dei carabinieri»: trent’anni fa l’arresto del capo dei capi

di Virgilio Fagone - Fonte Il Giornale di Sicilia/ La cattura del boss corleonese Salvatore Riina segnò il primo...