-1.3 C
Rome
venerdì, Gennaio 22, 2021

Il Coordinamento “Riferimenti” restituisce allo Stato i beni confiscati ai Mancuso

Must read

Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 “sì”

Roma, 18 gen. (askanews) – Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 sì, oltre...

Donne e “senso di responsabilità” celebrano la fondazione dei Popolari

A cura della RedazioneAlla vigilia della ricorrenza del giorno 18 Gennaio nel corso del quale Don Luigi Sturzo promuoveva la nascita...

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

adriana musella
Adriana Musella

I Beni Confiscati alla Cosca Mancuso ed affidati al Coordinamento Antimafia Riferimenti, ritornano al Mittente. Vogliono cosi’ e cosi’ sia. Hanno vinto Loro.
A tale scopo, Adriana Musella, per conto del Coordinamento, ha chiesto un incontro col Prefetto di Vibo Valentia. Su proposta progettuale della stessa Musella era stata realizzata in quei beni l’Università dell’antimafia che avrebbe dovuto ospitare studenti da tutta Italia e con l’Erasmus anche dai paesi Europei. Al progetto didattico formativo, avevano aderito con appositi protocolli, l’Università della Calabria, la Confapi, la Fondazione Caponnetto e l’Associazione Premio Giorgio Ambrosoli. Dopo 9 anni di lotte ad ostacoli, 7 anni sotto scorta e due Amministrazioni cadute, il giorno seguente alla consegna di detti beni da parte della Prefettura di Vibo al Coordinamento, un articolo metteva in discussione la corretta attività dell’Associazione e la relativa gestione di fondi pubblici. Ne è seguita un’indagine giudiziaria che ha visto indagata la stessa Presidente, oggetto di una gogna mediatica senza precedenti.
Restituiamo allo Stato i beni a noi affidati, nell’impossibilità di poter continuare nel nostro impegno. Hanno voluto così e così sia. Questa non è la nostra sconfitta, ma quella dello Stato di diritto. A questo Stato e alla causa, siamo coscienti di avere già dato e tanto, forse troppo. Lo abbiamo fatto perché abbiamo creduto. Oggi non crediamo più. Il capitolo antimafia che ci ha visto coinvolti,  termina qui, per la gioia di tanti. Per noi parla e parlerà la storia. Ai posteri l’ardua sentenza“.

Adriana Musella
Fondatrice Coordinamenro Antimafia Riferimenti

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 “sì”

Roma, 18 gen. (askanews) – Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera con 321 sì, oltre...

Donne e “senso di responsabilità” celebrano la fondazione dei Popolari

A cura della RedazioneAlla vigilia della ricorrenza del giorno 18 Gennaio nel corso del quale Don Luigi Sturzo promuoveva la nascita...

Popolari, Donne e Bene Comune. Il senso di Responsabilità.

Le Donne si chiedono dove sia finito il senso di responsabilità della classe politica. Ne discutono oggi in questo Webinar su "Popolari,...

Conte prepara programma di legislatura.E lavora a “Costruttori”

Giuseppe Conte segue l’operazione “costrutturi” e lavora al discorso da tenere lunedì alla Camera e martedì al...

Ue, Von der Leyen: mantenere le politiche di bilancio di sostegno

Per ritorno a Patto stabilità servono le condizioni, non scadenze. La clausola di...