Cosenza, Movimento cattolico NOI: fermate l’ennesima colata di cemento

Le statistiche portano Cosenza come Città più povera della Calabria e tra le più povere d'Italia. E' qui che l'Amministrazione comunale (Sindaco l'Architetto Mario Occhiuto), ha lasciato cadere nel totale disinteresse Città Storica e grandi strutture che potrebbero alleviare la crisi dovuta alla mancanza di lavoro.

Cosenza - il complesso sportivo abbandonato all'incuria e ai vandali

Cosenza – il complesso sportivo abbandonato all’incuria e ai vandali

Il caso Cosenza si fa spazio sia in rete che sulla carta stampata ed esce dalle quattro mura che sino a ieri contenevano le questioni scottanti, che oggi esondano. La scandalosa situazione di abbandono della Città Storica, dimenticata dalla classe politica al governo sia comunale che regionale, è diventata il campo di battaglia della Comunità politica del Movimento Cattolico NOI che, proprio nel cuore della Città Antica, ha la sede dell’Arcidiocesi Metropolitana di Cosenza – Bisignano.

Fioccano i comunicati Stampa con tanto di immagini e filmati che mostrano il volto di un’amministrazione incapace di guardare con maturità politica al ripristino della Città Storica e di tutte quelle grandi opere incompiute che la renderebbero viva, attrattiva e in grado di offrire lavoro.

Cosenza - il complesso sportivo abbandonato all'incuria e ai vandali

Cosenza – il complesso sportivo abbandonato all’incuria e ai vandali

MOVIMENTO NOI – COSENZA – FERMATE L’ENNESIMA COLATA DI CEMENTO
“Prima che inizi l’ennesima colata di cemento a nord della città – afferma il comunicato stampa del Movimento NOI – in quella che sta diventando la terra di conquista nel quartiere di Gergeri, si ponga l’attenzione e il proprio cuore verso la città storica. Il progetto di rigenerazione territoriale “Cosenza Cristiana”, realizzato sia per la valorizzazione che prevenzione da calamità naturali e che ha indotto il Ministro dei Beni Culturali a inserire la Città Storica di Cosenza nel piano di finanziamenti delle Città storiche del Sud Italia, è la prova che le buone prassi vengono premiate e che ciò è possibile.

Cosenza - il complesso sportivo abbandonato all'incuria e ai vandali

Cosenza – il complesso sportivo abbandonato all’incuria e ai vandali

MOVIMENTO NOI: AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMPLETI LE OPERE ABBANDONATE
L’Amministrazione Comunale di Cosenza termini, dunque, le opere pubbliche iniziate e abbandonate come il Centro Polifunzionale e le piscine sul lungofiume, il contratto di quartiere di Santa Lucia e il parcheggio di Portapiana. Tali opere, in grado tra l’altro di creare lavoro, sono diventate da anni ricettacolo di ogni sorta di abbandono e incuria, ma soprattutto luoghi dove proliferano vizi e micro-criminalità. Il Movimento NOI chiede con forza che venga fermata la corsa al cemento perché si attuino le direttive europee dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Cosenza - il complesso sportivo abbandonato all'incuria e ai vandali

Cosenza – il complesso sportivo abbandonato all’incuria e ai vandali

MOVIMENTO NOI: FERMARE IL CONSUMO SFRENATO DEL SUOLO DELLA CITTA’
Chiediamo di fermare il “consumo” sfrenato del suolo della città dì Cosenza così come precisato dal target sottoscritto con l’adesione all’agenda Onu 2030. Prima di pensare ad occupare ogni angolo della Città di Cosenza con nuove e “fantasmagoriche” opere pubbliche, come in un gioco per riempire caselle del Monopoli, bisognerebbe rigenerare le zone completamente abbandonate da anni come la Città Storica in grado di produrre importanti nuove economie del turismo e non solo, attesa la concentrazione in esso di un grande Patrimonio della Cultura concentrata in essa. Terminare le opere pubbliche lasciate al degrado, deve essere oltre che una missione, un dovere istituzionale al quale non si può più abdicare.

Leave a Reply

Your email address will not be published.