Nunzia De Rose (NOI): dal voto emerge il dovere di risollevare le sorti del Paese

Nunzia De Rose: Né vincitori né vinti, ma solo il dovere di impegnarci per risollevare le sorti del nostro Paese".

nunzia de rose, politica. movimento noi

Nunzia De Rose – Avvocato – Vicepresidente del Movimento Cattolico NOI

Introduzione di Fabio Gallo/

Una notte meravigliosa per molti italiani che speravano in una svolta, una qualsiasi svolta in grado di portare fuori dalla paura l’Italia, il mondo del lavoro, delle piccole e media imprese, della micro-economia che è l’economia italiana. Quella a cavallo del 4 e 5 Marzio 2018 è una notte passata già alla storia della Repubblica che apre al giorno nel quale, nonostante il sole alto, si vedono le Stelle, eccome se si vedono. Il Movimento 5 Stelle ha stravinto. E’ la prima forza politica in Italia e non è più il famoso voto di pancia, ma di testa e di cuore. Le due grandi sconfitte, in maniera speciale nel Sud Italia, sono Forza Italia e il PD che sprofondano proprio per la cattiva politica che da anni opprime il Mezzogiorno. E non è un caso che a porre il sigillo su questa tesi, sia proprio la Lega di Salvini che raccoglie il consenso di molti fuoriusciti da Forza Italia, ormai priva di efficacia e di quella parte di centrodestra che ormai è individuata come “malapianta” in Calabria. I grandi processi in atto a Reggio Calabria mostrano un paesaggio surreale della politica che mostra pervicacia nella corruzione e molto altro.

Oggi mi colpisce il messaggio che attingo da Facebook a cura del giovane e valente Avvocato Nunzia de Rose, Vicepresidente del Movimento Cattolico NOI che scrive:

NUNZIA DE ROSE RICHIAMA AL DOVERE DI RISOLLEVARE LE SORTI DEL PAESE
“Il voto è segreto e lasciamolo tale! Ma una piccolissima riflessione mi sia consentita… non fosse altro che per rassicurare i ” tuttologi sul web” (come ricorda l’espressione della nota canzone sanremese). L’aspetto più preoccupante tra i vari commenti è leggere di presunti profili psicologici relativi ai soggetti che hanno votato questo o quel partito oppure un movimento, abbandonandosi a giudizi anche personali, certamente inopportuni se consideriamo anche la piattaforma su cui vengono scambiate tali considerazioni. I dati allarmanti dovrebbero essere altri!!! Basti pensare che ci ritroviamo con le toppe sul sedere, con gli ospedali qui in Calabria, che entri da vivo ed esci da morto o comunque peggio di come sei entrato, con un turismo pari a zero, logiche clientelari, giovani disoccupati costretti a lasciare gli affetti, padri che scelgono il suicidio e famiglie a cui manca il pane, disabili abbandonati a loro stessi ed una politica che ha distrutto praticamente ogni settore della società civile.

E allora, stimati professionisti e non solo, che oggi sprecate del tempo ad analizzare un qualcosa di irrilevante, provate a cambiarla voi l’Italia… con i fatti, non con le parole. Perché si sa che a parlare, noi italiani, siam bravi tutti ma poi, a fare, molto meno. Con questo stato di cose NESSUNO HA VINTO.
ABBIAMO PERSO TUTTI!
Né vincitori né vinti, ma solo il dovere di impegnarci per risollevare le sorti del nostro Paese”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.