Giuseppe Conte – Presidente del Consiglio dei Ministri

Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte

Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte

Giuseppe Conte (Volturara Appula, 8 agosto 1964) è un politico, giurista e accademico italiano, Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana dal 1º giugno 2018.

Politicamente vicino al Movimento 5 Stelle, il 31 maggio 2018 è stato incaricato presidente del Consiglio, sostenuto da un accordo di governo tra M5S e Lega.

Biografia

Nasce a Volturara Appula nel 1964, figlio del segretario comunale Nicola Conte e di Lillina Roberti, maestra elementare. Ancora piccolo, si trasferisce con la famiglia a Candela e quindi a San Giovanni Rotondo a seguito dei cambi di sede lavorativa del padre. Si diploma al Liceo Classico “Pietro Giannone” di San Marco in Lamis.

Si laurea con lode nel 1988 in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma, per intraprendere quindi la carriera di avvocato civilista. Da studente universitario, Giuseppe Conte ha frequentato il collegio universitario di merito di Villa Nazareth. Nel 1992 è stato visiting scholar per 3 mesi presso l’Università Yale.[12] Dal 1992 al 1993 è borsista presso il CNR. Non risultano invece altre attività accademiche (tra cui Cambridge, Sorbona, Malta), vantate da Conte nel 2018 nel suo CV, secondo controlli effettuati da parte della stampa internazionale.

Vita privata

È cattolico e devoto a San Pio da Pietrelcina. Separato dalla moglie Valentina Fico, è padre di Niccolò, nato nel 2008. La sua compagna è Olivia Paladino.

Attività professionale

Conseguita nel 2000 l’idoneità a professore associato di diritto privato e nel 2002 a professore ordinario, ha insegnato presso la Libera Università Maria Santissima Assunta, l’Università Roma Tre e l’Università di Sassari. È professore ordinario di diritto privato presso l’Università di Firenze e presso l’Università Luiss.

Il 18 settembre 2013 viene eletto dalla Camera dei deputati componente laico del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, l’organo di autogoverno dei magistrati amministrativi e successivamente ne diventa vicepresidente.

Carriera politica

Il 27 febbraio 2018 è presentato da Luigi Di Maio come candidato alla posizione di ministro della pubblica amministrazione in caso di vittoria del Movimento 5 Stellealle elezioni politiche. Lo stesso giorno dà le dimissioni dal Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa.

Ha dichiarato di essere stato elettore della sinistra, prima di avvicinarsi al Movimento 5 Stelle. Ha anche affermato che «gli schemi ideologici del Novecento non sono più adeguati» mentre giudica «più importante valutare l’operato di una forza politica in base a come si posiziona sul rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali».

Presidente del Consiglio dei ministri

Il 21 maggio 2018 viene proposto come presidente del Consiglio dei ministri dai leader della coalizione M5S-Lega al presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, il quale due giorni dopo gli conferisce l’incarico di formare il nuovo governo, che il giurista accetta con riserva. Il 27 maggio rimette l’incarico, rinunciando quindi alla formazione di un suo esecutivo, a causa di contrasti sulla nomina di Paolo Savona quale ministro dell’economia.

Il 31 maggio riceve una seconda volta da Mattarella l’incarico di presidente del Consiglio, in seguito alla decisione di Carlo Cottarelli (che era stato incaricato di formare un governo provvisorio dopo la rinuncia di Conte) di rinunciare “essendosi create nuove condizioni per la formazione di un governo politico”. Contestualmente, Conte presenta la lista dei ministri, accettando, questa volta, senza riserva (terzo a farlo nella storia della Repubblica, dopo Giuseppe Pella nel 1953 e Silvio Berlusconi nel 2008).[3] All’interno della squadra di governo nomina come vicepresidenti Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il primo anche ministro del lavoro e ministro dello sviluppo economico e il secondo ministro dell’interno.

Dopo aver giurato al Quirinale, il 5 giugno tiene il suo discorso d’insediamento al Senato,[31] ottenendo la fiducia con 171 voti favorevoli, 117 contrari e 25 astenuti. Il giorno successivo ottiene la fiducia anche alla Camera dei deputati con 350 voti favorevoli, 236 contrari e 35 astenuti.

L’8 e il 9 giugno prende parte al G7 guidato dal primo ministro canadese Justin Trudeau. Il 28 e il 29 giugno partecipa al Consiglio europeo per discutere di politiche migratorie, sicurezza e finanza.

Leave a Reply

Your email address will not be published.