Meetup Cosenza e Oltre: centro storico, quali sono i veri interessi di Occhiuto?

Nei prossimi giorni dirameremo il comunicato stampa ufficiale della giornata che il Ministro Bonisoli svolgerà nella Città di Cosenza.

Il Ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli

Il Ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli

In relazione all’articolo pubblicato dalla Gazzetta del Sud in data 12 gennaio, il meetup Cosenza e Oltre precisa che il Ministro dei beni e delle attività culturali Alberto Bonisoli sarà a Cosenza venerdì 18 gennaio per conoscere i problemi e le potenzialità della città, il cui centro storico giace nel completo abbandono a causa anche dell’inerzia di 7 lunghi anni dell’attuale amministrazione comunale, il Sindaco temiamo rimarrà deluso molto presto.

Ci sembra molto strano quanto riporta il suddetto articolo “sull’approccio tra le istituzioni locali e i massimi rappresentanti dell’esecutivo nazionale, alla luce pure degli indirizzi già intrapresi da palazzo dei Bruzi pensati allo scopo di ridare slancio al centro storico” visto che Occhiuto nonostante le 2 sindacature e le sollecitazioni pervenute da cittadini ed associazioni non ha mosso un dito per salvare il centro storico dal suo decadimento, non curandosi dei pericoli per i residenti e mostrando così mancanza di sensibilità per la storia, per l’arte, per l’incolumità degli abitanti, cioè per il vero tesoro della città di Cosenza.

Meetup Cosenza e Oltre

Meetup Cosenza e Oltre

È bene ricordare che nella città vecchia il sindaco ha abbattuto edifici storici senza le necessarie autorizzazioni e che non bastano le sporadiche manifestazioni folkloristiche organizzate al suo interno per rivitalizzarlo. Forse il vero interesse di Mario Occhiuto è la delibera CIPE da 90 milioni di euro?

Il meetup Cosenza e Oltre, organizzatore della visita di Bonisoli, diramerà comunicato ufficiale della giornata che il Ministro svolgerà nella città di Cosenza.

#90milionipercosenza

Ufficio Stampa Meetup Cosenza e Oltre

Leave a Reply

Your email address will not be published.