1.2 C
Rome
domenica, Febbraio 28, 2021

Energia, Free: puntare su biogas e filiera del bosco

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Boschi italiani
Boschi italiani

Roma, 2 ott. (askanews) – “Il contributo previsto delle bioenergie, se correttamente programmato, incide positivamente sull’economia delle aziende agricole, come dimostrano le procedure di produzione del biogas, denominate ‘biogasfattobene’, ideate e applicate in Italia, e sulla gestione sostenibile del sistema boschivo. Effetti che vanno tenuti presenti nel definire le misure per la promozione delle bioenergie”. E’ quanto dichiarato da G.B. Zorzoli, Presidente di Coordinamento Free – che raggruppa oltre 23 associazioni del settore fonti rinnovabili ed efficienza energetica – in occasione del convegno dal titolo il “Il ruolo del settore agricolo e forestale nel Piano Nazionale Energia Clima” che si è svolto a Roma quest’oggi.

“E’ oggi possibile attivare uno sviluppo economico locale sostenibile legato alla gestione del bosco della sua filiera, che valorizzi le risorse umane del posto, soprattutto quelle più giovani, creando posti di lavoro nella produzione forestale, nella prima lavorazione per la produzione di materiali grezzi e semilavorati per fini strutturali, artigianali ed energetici. Il territorio coperto da bosco negli ultimi anni in Italia è cresciuto, ma in pochi sanno che è cresciuto per ragioni legate al caso e non per una politica consapevole dell’ambiente”, dice Marino Berton di Aiel, Associazione italiana energie agroforestali.

Il convegno è stato l’occasione per proseguire il confronto pubblico, avviato dal Coordinamento Free, sulle ricadute economiche e occupazionali degli obiettivi al 2030, indicati nel Pniec, piano nazionale integrato per l’energia e il clima. Le proposte avanzate da Coordinamento Free, durante le sessioni del convegno, sono state oggetto di confronto con i rappresentanti del mondo imprenditoriale e politico.

Hanno partecipato al convegno: G.B. Zorzoli, Presidente Free; Cristian Curlisi, CIB; Marino Berton, AIEL, Ezio Veggia, Confagricoltura, Luca D’Apote, Coldiretti, Michele Passarini, CIA, Andrea Arzà, Assogasliquidi, Annalisa Zezza, CREA, Vito Pignatelli, ENEA, Katiuscia Eroe, Legambiente, Francesco Ferrante, Vicepresidente Free. Sono, inoltre, intervenuti: il Sen. Gianpaolo Vallardi, Presidente Commissione Agricoltura Senato della Repubblica, l’On. Filippo Gallinella, Presidente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati, l’On. Susanna Cenni, Vicepresidente Commissione Agricoltura, Camera dei Deputati.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...