-12 C
Rome
giovedì, Gennaio 28, 2021

Mario Occhiuto rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta. Condannata la sorella Annunziata

Must read

Covid19, vaccini e Scuola. Movimento NOI scrive alle Istituzioni di Governo

introduzione a cura di Fabio Gallo/ La crisi dettata dagli sviluppi della pandemia si riflette in maniera impetuosa...

Covid, Conte: su rallentamenti vaccini ricorreremo in sede legale

“Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti”. Lo scrive su facebook il presidente del Consiglio,...

Boccia: se i vaccini finiscono in altri continenti è grave

“C’è stata una riduzione nelle forniture” e “entro marzo ne avremo 15 milioni e stiamo rivendendo i piani di somministrazione in funzione...

Il colosso Repsol Italia Spa accusato di estorsione alla “Gallo Petroli sas” e a Francesco Gallo

la redazione/ Repsol è una società spagnola attiva nei settori del petrolio e del gas naturale con interessi...

mario occhiuto, bancarotta fraudolenta
Mario Ochiuto Sindaco di Cosenza

Cosenza – 8 Novembre 2019 – Il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, è stato rinviato a giudizio con l’accusa di bancarotta fraudolenta nell’ambito dell’inchiesta sul fallimento della società “Ofin”, di cui è stato amministratore fino al 2011. La bancarotta di cui è accusato il primo cittadino di Cosenza (proposto da Forza Italia come candidato alla presidenza della Regione Calabria), ammonta a 3 milioni di euro. La prima udienza del processo è stata fissata per il 2 aprile 2020.

MARIO OCCHIUTO RINVIATO A GIUDIZIO PER BANCAROTTA FRAUDOLENTA
La società Ofin, a parere del Pubblico ministero Marialuigia D’Andrea, – faceva parte di un articolato e sofisticato sistema di società, tutte riconducibili a Mario Occhiuto, tra le quali la Feel srl, la Zenobia e anche la Mostre e Servizi Ingegneria, poi trasformata nella Moa (Mario Occhiuto Architetture).

A ricostruire i fatti grazie all’analisi di una grande mole di documenti dai quali si evincerebbe un passaggio di ingenti somme di denaro, sia d una società all’altra, che dalla Ofin a Mario Occhiuto, è stata la Guardia di Finanza. Quest’ultima, tra l’ottobre del 2006 e il dicembre del 2012, avrebbe concesso prestiti infruttiferi per un totale di oltre tre milioni e mezzo di euro, solo in minima parte restituiti, appena il 15 per cento pari a circa 500 mila euro.

ANNUNZIATA OCCHIUTO CONDANNATA  AD ANNI UNO E MESI QUATTRO
Condannata con il rito abbreviato a un anno e quattro mesi di reclusione, con pena sospesa, la sorella Annunziata Occhiuto, amministratrice della società nel periodo che ha preceduto il fallimento. Archiviata invece la posizione di Carmine Potestio, già capo gabinetto dell’amministrazione Occhiuto dal 2011 al 2016 e socio di minoranza della Ofin. Mario Occhiuto si dichiara estraneo ai fatti contestati, certo di poter dimostrare la sua innocenza nel corso del processo.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Covid19, vaccini e Scuola. Movimento NOI scrive alle Istituzioni di Governo

introduzione a cura di Fabio Gallo/ La crisi dettata dagli sviluppi della pandemia si riflette in maniera impetuosa...

Covid, Conte: su rallentamenti vaccini ricorreremo in sede legale

“Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti”. Lo scrive su facebook il presidente del Consiglio,...

Boccia: se i vaccini finiscono in altri continenti è grave

“C’è stata una riduzione nelle forniture” e “entro marzo ne avremo 15 milioni e stiamo rivendendo i piani di somministrazione in funzione...

Il colosso Repsol Italia Spa accusato di estorsione alla “Gallo Petroli sas” e a Francesco Gallo

la redazione/ Repsol è una società spagnola attiva nei settori del petrolio e del gas naturale con interessi...

Scuola, pandemia e innovazione. Studiare in sicurezza.

Affrontiamo le problematiche legate alla Scuola, ai giovani alla famiglia e alla sicurezza nel tempo dettato dal COVID19, unendo Vibo Valentia e...