1.2 C
Rome
domenica, Febbraio 28, 2021

Matteo Salvini occupa il Parlamento per costringere Conte ad affrontare il Parlamento

Must read

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Matteo Salvini
Matteo Salvini – Foto Ansa/Ettore Ferrari

Roma, 29 apr. (askanews) – L’idea è quella di restare tutti in Aula, praticamente un sit-in permanente “finché Conte non verrà a rispondere”. Di sicuro, Matteo Salvini vuole i suoi in Parlamento “a oltranza”, come ha detto a ‘La vita in diretta’. La Lega ci sta pensando, il leader da giorni accenna all’idea e stamattina la discussione è stata approfondita durante la riunione dei senatori del Carroccio. Niente di deciso, ancora, perché la questione va studiata bene, leggendo attentamente anche il regolamento di palazzo Madama. Raccontano che proprio da Roberto Calderoli – esperto del “ramo” – sarebbero arrivati alcuni inviti alla cautela. Ma Salvini è convinto che l’informativa che terrà domani il presidente del Consiglio in Parlamento sarà assolutamente insufficiente

Il vice-presidente del Senato si sarebbe preso qualche ora per leggere bene tutte le norme de regolamento, incrociandole anche con le misure anti-contagio adottate di recente, perché comunque Salvini vuole rimanere nel perimetro della legalità. Ma il senso lo riassume chiaramente un parlamentare leghista: “L’idea è quella di occupare l’aula, di fatto. Bloccare tutto e restare in Senato per costringere Conte a rendere conto al Parlamento dei suoi Dpcm e dei decreti approvati a colpi di fiducia”.

Del resto, aggiunge un senatore che ha partecipato alla riunione di questa mattina,”non possiamo manifestare in piazza, almeno in Parlamento potremo dire che le cose non vanno, o no?”. Di sicuro, Salvini sembra intenzionato a intervenire domani in Senato. L’informativa che terrà il presidente del Consiglio non sarà sufficiente, secondo il leader della Lega, Conte dovrebbe rispondere alle questioni che arrivano “dai cittadini”.

Per questo il leader della Lega avrebbe anche invitato tutti parlamentari del suo partito a raccogliere – ciascuno nel proprio territorio – le proteste, le richieste, gli appelli delle organizzazioni di categoria, delle imprese, dei cittadini. Un “cahier de doleances” da portare poi in Parlamento, magari appunto anche attraverso il “presidio permanente” di cui si parla in queste ore.

Non solo in Senato, in realtà. Raccontano che Salvini abbia chiesto anche ai deputati della Lega di rendersi disponibili a stare a Montecitorio “anche di notte”. Una iniziativa sulla quale Salvini cerca di coinvolgere anche Fdi e Fi.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Recovery fund, Herbert Dorfmann: “Spazio alle Regioni”

a cura della Redazione/ Martedì 9 febbraio il Parlamento europeo ha approvato, dopo...

L’Italia punta al vaccino fatto in casa: “Serve un polo nazionale pubblico-privato”

Si è svolto oggi pomeriggio al Mise il primo tavolo rivolto alla produzione del vaccino anti Covid...

Fabio Gallo: in Calabria Democrazia ostaggio del bisogno. Rinviare le elezioni

Il Movimento civico NOI ha scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi ai quali chiede di spostare le...

L’Ue con Draghi, linea dura per le aziende inadempienti

a cura della Redazione/ Al summit europeo i 26 sposano la linea di Mario Draghi: bisogna accelerare sui...

Calabria, Scuola: disagi nei territori di Vibo, Lamezia e Cosenza.

Da Vibo Valentia, Lamezia e Cosenza, insieme, per parlare di Scuola e delle contraddizioni che su di essa ricadono in tempo di...