-1.9 C
Rome
domenica, Novembre 28, 2021

Lega – per Maroni Investitura di Bossi: l’ho cresciuto io

Must read

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Maroni - Bossi
Maroni - Bossi

Il presidente della Lega attacca: “Stato non contento di noi ci manda magistrati”. Maroni: “Basta piangerci addosso, serve unità”. Poi in serata l’elezione di Matteo Salvini a segretario della Lega in Lombardia.

“Maroni mi è piaciuto, vuol dire che l’ho cresciuto bene. Maroni è una mia creatura”. Umberto Bossi, al termine dell’intervento di Roberto Maroni al congresso nazionale della Lega lombarda di Bergamo, punta su Bobo. Il Senatur è soddisfatto per l’intervento del triumviro e candidato alla successione alla segreteria, per ora ‘commissariata’ dallo stesso Maroni, Calderoli e Dal Lago: “Noi due siamo sempre andati d’accordo se non quando litighiamo”, aggiunge ironico.

Poi parla del suo futuro: “Noi non andiamo in pensione. E’ vietato andare in pensione a chi ha dimostrato capacità così anch’io starò qui a lavorare”.

E attacca la magistratura: “Lo Stato non è contento di noi, non ci manda i tappeti rossi ma ci manda i magistrati”. Secondo Bossi “quello che però non possono toglierci è la nostra voglia di libertà. Fatta salva quella è salvo tutto. Possiamo perdere voti ma non la nostra libertà”. “Mi sembra che bolla in pentola la voglia di rinascita”, tuona il leader storico del Carroccio.

Infine a proposito dell’elezione del nuovo segretario Bossi dice: “Ognuno voti come vuole”, l’importante è che, chiunque venga eletto, si chiuda tutto. La Padania guarda avanti e noi non ci fermiamo”.

Prima del Senatur era stato Maroni a prender la parola: “Basta piangerci addosso, basta con tutte queste menate, da questo congresso dobbiamo elaborare il dolore e mettere a frutto la nostra straordinaria forza che sono i nostri sindaci per ripartire”. “L’unità della Lega è il nostro valore fondamentale”, dice Maroni. “Chiunque vinca, chiunque sarà il segretario lo sarà della Lega perchè o la Lega è unita altrimenti è finita. Bisogna mettere da parte i rancori personali -ha sottolineato Maroni- perchè ne va della nostra esistenza. Per questo dobbiamo alimentare questo nostro grande sogno che ci ha dato Umberto Bossi”.

“C’è chi vuole distruggere la Lega -ha spiegato- perchè è una anomalia del sistema. Il nostro compito è quello di smentire tutti questi gufi che dicono che la Lega è morta e oggi si può ricominciare. Sono fiducioso e ottimista che oggi si chiuda una pagina brutta e se ne apra una ancora più bella di quella che è stata la Lega nel passato con grandi successi e grandi soddisfazioni per tutti noi”.

“Dobbiamo riprendere quella azione forte che la Lega ha sempre avuto -ha spiegato ancora- perchè il nostro obiettivo, la nostra ambizione, il nostro sogno è quello di diventare il primo partito del Nord prima delle elezioni politiche”.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Prosecco: De Castro-Dorfmann, no a falso made in Croazia.

“Non possiamo tollerare che la denominazione protetta “Prosecco”, una delle più emblematiche a livello Ue, diventi oggetto di imitazioni e abusi, in...