Vittorio Cavalcanti sindaco di Rende. Pisapia stacca la Moratti: l’Italia sta cambiando

Vittorio Cavalcanti Sindaco della Città di Rende

Vittorio Cavalcanti vince ed è Sindaco della Città di Rende. Questa vittoria che a molti appare scontata non lo è affato perchè unisce l’ importante tradizione politica di Sandro Principe, attuale e viva in Rende, a Vittorio Cavalcanti politico e insieme uomo profondamente per bene, capace di visualizzare il domani.

 Una vittoria significativa anche perchè giunge all’alba di un’eclatante dichiarazione del Ministro Tremonti che ammonisce la politica del Sud, e quindi del suo stesso schieramento politico  nell’affermare che  ”la grande questione del paese è la questione meridionale. Ed è un fatto politico. I fondi europei non vengono spesi e questo è un problema. Quest’anno stiamo rischiando di perdere 6 miliardi non spesi, ecco perché vorremmo usare quei soldi per il credito di imposta nel Mezzogiorno. La questione non è finanziaria – sottolinea Tremonti – ma occorre sapere usare i fondi che ci sono già”.
Parola chiarissime che si riferiscono senza ombra di dubbio anche al Governo Scopelliti attualmente all’amministrazione della Regione Calabria e che, nonostante le aspettative di molti ha completamente affossato i settori maggiormente produttivi come il Turismo e la Cultura.
Ritenendo credibilissime le parole del Ministro dell’Economia il redattore ritiene che sia fondamentale rivolgere attenzione ai ”modelli” politici sui quali l’Italia meridionale può concretamente contare  per la conquista di una centralità effettiva nella politica nazionale.
Questa vittoria rappresenta oggi – come afferma Vittorio Cavalcanti in Video - un modello politico che è riuscito a vivificare una Sinistra lacerata al suo interno e che sembrava non avere speranza alcuna.
Teoria tanto vera quanto lo è  la sconfitta del Sindaco uscente di Cosenza Pasquale Perugini e dell’intera sua componente di sinistra che, nonostante una battaglia vissuta fino all’ultimo voto, ha dovuto cedere il passo al nuovo ingresso di Enzo Paolini che entra in ballottagio con il candidato del pdl Mario Occhiuto.

On. Sandro Principe

Sandro Principe e Vittorio Cavalcanti hanno saputo interpretare e affrontare la realtà con logica e razionalità politica tale da riuscire ad affermare la propria coalizione su ben cinque candidati a sindaco e diventare un “atollo” di concretezza esempio per l’intero meridione dell’Italia che, a breve, ancor peggio delle dichiarazioni del Ministro dell’Economia, assisterà anche alla chiusura delle sorgenti dei fondi comunitari. 
In una manciata di mesi, la Politica del Sud dovrà riuscire a creare i presupposti per rendere produttivo un territorio fortunato nella natura, meno nella politica del suo utilizzo.
Rende si conferma dunque Città della Politica che procede di bene in meglio con un progetto che allarga la sua visuale al mondo dei giovani, in modo concreto. 

Questa è stata infatti una delle novità che hanno caratterizzato la corsa di Vittorio Cavalcanti al ruolo di Primo Cittadino.
Al Nord la Moratti viene ridimensionata da una politica che sta già pensando al futuro e al dopo Berlusconi. Lo stesso Presidente del Consiglio da Milano ammette che niente di peggio poteva accadere al Pdl e le sue preferenze passano dalle 52 mila del 2006 alle circa 28 mila del 2011. La Moratti, dal canto suo, afferma che bisogna ripartire da una nuova fase (dunque ammette che questa è finita) e Bersani rivolgendosi a Bossi gli chiede di riflettere, evidentemente sul dopo Berlusconi..
Di certo questo terremoto politico che ha come epicentro il cuore del Pdl avrà forti ripercussioni in parlamento e già sembra sollevarsi il forte vento di cambiamento.
Oggi, dunque, la formula politica vincente di Vittorio Cavalcanti e Sandro Principe dovranno far riflettere anche il Pdl locale e nazionale poichè, se adottata, potrà conquistare significativi allori nella fase di cambiamento.

Non è da escludere che la Calabria possa ambire presto alla leadership delle poltrone ministeriali. 
L’Italia di Berlusconi sta cambiando come cambia lo scenario del Meditarraneo e certamente anche la Chiesa sarà attenta che si giunga presto ad un Governo di stabilità capace di affrontare le grandi problematiche umane e sociali che camminano di pari passo con l’evoluzione della persona, della scienza, della tecnologia, dellambiente, del lavoro.

Il PARLAMENTARE.IT: Intervista al Sindaco di Rende Vittorio Cavalcanti

Cosa ha Funzionato in queste elezioni amministrative di Rende?

Cosa accadrà grazie a questo importante risultato?

Ci offre una sua valutazione complessiva sui risultati delle Amminnstrative 2011?

Leave a Reply

Your email address will not be published.