Bossi su Monti : “Rischia la vita, Nord lo farà fuori”

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti

“Rischia la vita, il Nord lo farà fuori”. Il leader della Lega Umberto Bossi ha risposto così a chi, a Piacenza, gli chiedeva se Monti durerà anche dopo il 2013. “Stanno riempiendo il Nord – ha detto Bossi – di mafiosi in soggiorno obbligatorio, prima o poi qualcuno si decide a impiccarli sulla pubblica piazza. Hanno mandato a Padova il figlio di un mafioso siciliano; come i miei figli sono leghisti, i figli dei mafiosi…”. “Il Governo Monti – ha poi aggiunto – è antifederalista, dà retta solo alle banche e all’Europa”.

Monti e Berlusconi? “Uno gratta e l’altro tiene il palo”. Così Bossi a Piacenza per presentare la candidatura a sindaco di Massimo Polledri, ha commentato i rapporti fra il presidente del Consiglio e il presidente del Pdl.

“Ho minacciato di morte Monti? E’ Monti che minaccia di morte noi… Ho detto che Monti nella testa dei padani non è ben visto perché ci porta la povertà e poi anche la mafia. I giornalisti travisano, non si smentiscono mai quelle teste di legno”. Così Umberto Bossi, dal palco del suo comizio a Piacenza, commentando le notizie d’agenzia che riportavano le sue parole pronunciate poco prima del comizio. “Ho detto – ha puntualizzato – che Monti nella testa dei padani non è ben visto perché ci porta la povertà e ora ci porta anche la mafia, evidentemente non è molto amato facendo questo cosa”. A chi gli ha chiesto se la sua era una vera minaccia, ha infine risposto: “no…. se devo fare una minaccia la faccio”.

“Dico questo con profondo rispetto della persona, ma quando si è chiamati a commentare ciò che dice Bossi non si è più nell’ordine dell’analisi politica”. Lo dice il presidente della Camera, Gianfranco Fini, al termine della sua visita a Washington, ribadendo di non voler parlare di questioni interne italiane. “Ho potuto riscontrare che continua qui l’eco positiva della recente visita del premier Mario Monti.

“Bossi parla come un terrorista. La violenza verbale del leader leghista ormai ha raggiunto vette pericolose e non basta giustificarlo perché non sta bene. I vertici della Lega prendano le distanze e smentiscano le parole truci e inqualificabili di Bossi che incitano alla violenza”: così Massimo Donadi capogruppo Idv alla Camera. “Tutti i partiti e le istituzioni le condannino – aggiunge – perché il confronto politico, per quanto aspro, non può e non deve travalicare i limiti dell’odio e dell’istigazione alla violenza”.

“Bossi usa un linguaggio inaccettabile in un consesso civile. Bisogna smetterla di considerare folklore l’uso di un linguaggio violento e intollerante da parte del leader leghista”: così Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libertà. “Tanto più si manifesta la differenza di opinioni con il premier Monti, tanto più alto deve essere il rispetto della persona. A Monti – conclude – va tutta la nostra più sincera e convinta solidarietà”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.