10.2 C
Rome
sabato, Maggio 8, 2021

Lavoro: Di Pietro, su art. 18 Fornero non vuole contratto ma capestro

Must read

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

”E cosi’ la nostra Madre Badessa ministro Fornero ci dice che, anche se non sono d’accordo i contraenti cioe’ i lavoratori, la riforma dell’art. 18 si fara’ lo stesso. Allora non si tratta di contratto ma di un capestro”. Lo scrive sul suo blog il presidente dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.

”A scuola – dice – ci hanno spiegato che un rapporto di lavoro e’ un contratto. Un contratto, per definizione, si fa tra due persone sullo stesso piano, che si rispettano.

Quindi, ci deve essere un accordo. Signora Madre Badessa – continua Di Pietro – se dice che o si e’ d’accordo su quel che propone, oppure si fa lo stesso come dice lei, allora non si tratta di contratto ma di un capestro. Soprattutto, e questo lo dico anche ai signori sindacati e ai signori politici della pseudo maggioranza che si riuniscono nottetempo per prendersi un bicchierino a palazzo Chigi: non basta che decidiate voi che cosa fare. Bisogna – afferma Di Pietro – che i contratti li accettino e li firmino i diretti interessati, se sono d’accordo. Cioe’ i lavoratori”.

A prescindere che ”vi sia o no un accordo tra i partiti, sindacati e imprenditori, ci deve essere – sostiene Di Pietro – un referendum dei lavoratori, attraverso cui poter dire se va bene o meno che qualcuno sottoscriva per conto loro questo contratto. Altrimenti non si tratta di un contratto, ma della voce del padrone che, destra, centro o sinistra, sempre padrone e”’. ASCA

Antonio Di Pietro Leader di IDV
Antonio Di Pietro Leader di IDV

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Ancora una volta la rete sanitaria della provincia di Cosenza ha fatto flop nel momento più importante in cui il meccanismo già...

A Scuola d’Estate. Approvato il piano Miur 2021.

a cura di Roberto Perri Delegato alla Scuola movimento NOI/ Dal Ministero dell'Istruzione un...

In ascesa la Rete Federativa nazionale “Libertà Civica”

In continua ascesa la partecipazione agli incontri conoscitivi, informativi e formativi del della Rete Federativa nazionale "Libertà Civica" costituita dai Popolari che...

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

Movimento NOI: siamo chiamati a rendere efficace la politica

di Fabio Gallo/ "La Democrazia in Calabria e da oggi in Sicilia, si declina con il nome del...