9.3 C
Rome
mercoledì, Ottobre 21, 2020

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Must read

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

Sergio Mattarella al Festival Nazionale dell’Economia Civile

Ufficio Stampa del Quirinale/ Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato alla giornata inaugurale della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile, che si...
Fabiohttp://www.fabiogallo.info
Classe 60, esperto di gestione della conoscenza e media digitali. Ha fondato la Città della Pace. Cura i Rapporti Istituzionali della Fondazione Culturale "Paolo di Tarso". Esperto dell'ITS IOTA Istituto di Alta Formazione per il Turismo e l'Ospitalità allargata della Puglia. Fondatore del Digital Cultural Heritage Museum dedicato al Patrimonio culturale italiano in chiave visuale. Fondatore e Direttore Editoriale delle Testate Giornalistiche del Gruppo ComunicareITALIA. Portavoce del Movimento Sturziano NOI. Dispone di elevate competenze tecniche multidisciplinari, pensiero organizzativo ed innovativo, coniugato a forte pragmatismo logico, a spiccate doti comunicative, alla gestione di progetti e compiti complessi, con elevata capacità d’analisi e di ascolto. Forte propensione al lavoro in gruppo, in cui nel ruolo di teamleader presta attenzione allo stato motivazionale ed alla sua compattezza. Visita il Blog: www.fabiogallo.info

Fabio Gallo - Portavoce Nazionale del Movimento NOI
Fabio Gallo – Portavoce Nazionale del Movimento NOI

Stiamo attraversando un momento per davvero difficile da decifrare. Ogni tentativo potrebbe risultare rischioso e porci in errore. Riflettere ci fa bene, perché questo mondo appartiene anche ad ognuno di noi e paghiamo quotidianamente le drammatiche conseguenze del nostro disinteresse verso i grandi temi. La politica, ad esempio, da cui discendono i mali del nostro vivere quotidiano.

Si parla molto di “onestà”, termine inflazionato, ma il problema è profondo. Oggi non basta essere onesti. Per governare sono richieste competenze dimostrabili, una storia alle spalle che lo attesti e, soprattutto, una storia che dimostri l’incorruttibilità di chi crede di potere essere utile nel mondo della politica. Si, perché entrare nel mondo della politica significa pretendere di amministrare la vita di tutti. E questa pretesa deve trovare giustificazione nella qualità della persona e nelle sue reali capacità. Le dobbiamo pretendere.

Leggendo i principali quotidiani nazionali ci rendiamo conto che politica e pubblica amministrazione a qualsiasi livello, sono piagate da un male oscuro che giunge fino all’amministrazione della Giustizia: la corruzione.

A Cosenza la Polizia di Stato ha arrestato il Prefetto mentre intascava una bustarella e a Catanzaro è stato arrestato il Presidente di una sezione della Corte d’Appello che da dieci anni intascava buste piene di danaro per appianare processi. Una situazione talmente grave che ha indotto il Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri a dichiarare che “bisogna essere feroci con i Magistrati corrotti”

L’incorruttibilità dovrebbe essere la maggiore risorsa di ogni cittadino che ha studiato, che ha elevato la propria conoscenza, che ha investito la propria vita negli studi. Ma anche di tutti quei cittadini che anche senza studi, hanno edificato la propria esistenza sul “buon senso” che giunge attraverso la voce della coscienza che  imperativa ci dice: “questa cosa non si fà”.

Sarebbe opportuno chiederci quale resistenza può opporre la cittadinanza alla corruzione dilagante che occupa sempre più spazio sui giornali. Sarebbero in grado i cittadini di creare muro, di opporsi, di ribellarsi al dilagare della corruzione che porta via giorno dopo giorno la vita di tutti? 

Me lo sono chiesto. Una risposta chiara e che non perdona la troviamo in un recente articolo pubblicato anche da questa Testata, a cura del Prof. Mario Caligiuri che ha fondato il corso di studi in “Intelligence” presso l’UNICAL. A proposito della capacità di analisi dei cittadini italiani scrive: “il 75 per cento non sa interpretare una semplice frase in italiano, il 27 per cento sono analfabeti funzionali e nelle classifiche internazionali combattiamo per conquistare gli ultimi posti nelle abilità di base”. 

Non siamo messi bene e lo vediamo nel mondo dei social che confermano queste percentuali. La situazione è davvero critica. E’ necessario un salto generazionale e una vera scuola di formazione politica che eviti il peggio. La parola d’ordine deve essere “NO Corruzione!” 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Sanità Calabria,”NOI”: Cotticelli dica chi sono le “menti raffinate” che lo vogliono “capro espiatorio”

In una regione nella quale i cittadini sono in gran parte promotori degli scandali politici all'ordine del giorno, in quanto ne eleggono...

Papa Francesco e il Presidente Mattarella

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Visita di Restituzione del Santo Padre al Quirinale

Fabio Gallo: troppa corruzione. Salto generazionale è indispensabile

Fabio Gallo riflette sul tema della corruzione nel mondo della politica e della pubblica amministrazione

Sergio Mattarella al Festival Nazionale dell’Economia Civile

Ufficio Stampa del Quirinale/ Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato alla giornata inaugurale della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile, che si...

Proroga Stato Emergenza. Speranza: resistere 8 mesi

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha confemato quella che era fino a questa mattina era solo un'ipotesi. "Andremo in Parlamento a chiedere la proroga...