9.1 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

La bandiera bianca della giustizia. Il tribunale di Napoli si arrende

Must read

UnicART bagno di folla per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla Città Unica Cosenza-Rende-Castrolibero

Quando ad organizzare un evento, in questo caso un grande evento culturale, è la struttura che fa...

Bocciata la proposta del terzo mandato, Salvini: ‘Nessun problema per il governo’

In commissione Affari costituzionali, dove il provvedimento è all'esame, si sono espressi contro la proposta di modifica...

Clima, a Milano una installazione di denuncia nella Fashion week

Milano, 20 feb. (askanews) – La crisi climatica non risparmia nessuno, neppure la Fashion week di Milano,...

Cellulari in classe? Valditara dice NO fino alle medie

Roma, 22 feb. (askanews) – “Nelle nuove ‘Linee guida sulla educazione alla cittadinanza’ di prossima pubblicazione, in...

E’ fosco l’aere
il cielo è muto
ed io, sul tacito
veron seduto,
in solitaria
malinconia,
ti guardo e lagrimo
Venezia mia!

Fra i rotti nugoli
dell’occidente
il raggio perdesi
del sol morente,
e mesto sibila
per l’aura bruna
l’ultimo gemito
della laguna.

Passa una gondola
della città:
– Ehi, della gondola,
qual novità? –
– Il morbo infuria
il pan ci manca,
sul ponte sventola
bandiera bianca! –
No, no, non splendere
su tanti guai,
sole d’Italia,
non splender mai!

E su la veneta
spenta fortuna
si eterni il gemito
della laguna!

Venezia, l’ultima
ora è venuta:
illustre martire,
tu sei perduta…
Il morbo infuria,
il pan ti manca
sul ponte sventola
bandiera bianca!

Ma non le ignivome
palle roventi
né i mille fulmini
su te stridenti
troncano ai liberi
tuoi dì lo stame… .
Viva Venezia!
Muore di fame!

Sulle tue pagine
scolpisci, o storia,
le altrui nequizie, .’
e la sua gloria:
e grida ai posteri
tre volte infame
chi vuoi Venezia
morta di fame!

Viva Venezia!
L’ira nemica
la sua risuscita
virtude antica;
ma il mo!bo infuria,
il pan le manca,
sul ponte sventola
bandiera bianca!

Ed ora infrangasi
qui sulla pietra,
fin ch’è ancor libera,
questa mia cetra:
a te, Venezia,
l’ultimo canto,
l’ultimo bacio,
l’ultimo pianto!

Ramingo ed esule
in suoI straniero,
vivrai, Venezia,
nel mio pensiero;
vivrai, nel tempio
qui del mio core,
come l’immagine
del primo amore.

Ma il vento sibila,
ma l’onda è scura,
ma tutta in tenebre
è la natura;
le corde stridono,
la voce manca,
sul ponte sventola
bandiera bianca!

Arnaldo Fusinato, L’ultima ora di Venezia, 1849

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

UnicART bagno di folla per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla Città Unica Cosenza-Rende-Castrolibero

Quando ad organizzare un evento, in questo caso un grande evento culturale, è la struttura che fa...

Bocciata la proposta del terzo mandato, Salvini: ‘Nessun problema per il governo’

In commissione Affari costituzionali, dove il provvedimento è all'esame, si sono espressi contro la proposta di modifica...

Clima, a Milano una installazione di denuncia nella Fashion week

Milano, 20 feb. (askanews) – La crisi climatica non risparmia nessuno, neppure la Fashion week di Milano,...

Cellulari in classe? Valditara dice NO fino alle medie

Roma, 22 feb. (askanews) – “Nelle nuove ‘Linee guida sulla educazione alla cittadinanza’ di prossima pubblicazione, in...

Sergio Mattarella a Cipro per attenzione a stabilità Mediterraneo

Roma, 22 feb. (askanews) – L’attenzione alla stabilità del Mediterraneo orientale minacciata anche dalla crisi di Gaza impone di essere presenti. Con...