-3.4 C
Rome
domenica, Novembre 28, 2021

Tutti i Popoli hanno il diritto di difendersi

Must read

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

guerra-e-pace-francesco-assisi
Tutti i Popoli hanno diritto a difendersi

A cura di Fabio Gallo – fondatore della “Carta della Pace”/

Un tema davvero difficile da affrontare quello della Pace. Soprattutto quando l’odio tra i Popoli proviene da molto lontano. Si nasce già disposti a odiare e si cresce sin dai primi passi con un’idea chiara: lui è mio nemico. Secoli di sopraffazioni sono il debito da pagare ancora perché l’animo dei popoli possa trovare pace. La speranza di un dibattito di pace nei paesi del Mediterraneo in fermento è alimentato quotidianamente, mentre interessi di ogni sorta materializzano la fitta nebbia che rallenta il cammino dei giusti. Francesco, il Sommo Pontefice, colui il quale meglio di tutti costruisce ponti, ha piantato un albero di Ulivo in Vaticano che prima o poi darà i suoi frutti. Esso è innaffiato dalle nostre preghiere e dal nostro agire perché la Pace non sia più solo una parola da pronunciare, bensì un luogo in cui vivere. Intanto muoiono bambini, tanti, e genitori, nonni e nonne perché tutti i popoli hanno diritto a difendersi. La morte, la “sorella morte” di Francesco di Assisi sembra osservare la nostra umanità e interrogarsi sul perché spendiamo tanto per acquistarla, quando invece essa è gratuita, per tutti noi. Lei, nostra sorella morte, il vero grande atto di giustizia sociale che ristora l’umanità intera.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Prosecco: De Castro-Dorfmann, no a falso made in Croazia.

“Non possiamo tollerare che la denominazione protetta “Prosecco”, una delle più emblematiche a livello Ue, diventi oggetto di imitazioni e abusi, in...