8.5 C
Rome
giovedì, Maggio 6, 2021

Banche, Stefania Covello: istituire tavolo permanente con ABI, Sindacati, Regioni e Comuni

Must read

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

Movimento NOI: siamo chiamati a rendere efficace la politica

di Fabio Gallo/ "La Democrazia in Calabria e da oggi in Sicilia, si declina con il nome del...

Covid19, Scuola e Famiglia. SI DAD e NO DAD a confronto.

La Scuola sta cambiando e si avvia verso il futuro nel quale la didattica digitale ha il suo peso. Ne parliamo, insieme....

Nel Movimento NOI i “Popolari” di Sturzo e Toniolo coerenti nelle scelte

La Redazione/ I Popolari hanno una nuova bandiera e un nuovo simbolo di cui è stato fatto dono...

Stefania Covello
Stefania Covello

“Nell’ambito del processo di riforma introdotto dal dl banche istituire un tavolo di confronto permanente con l’Abi, le organizzazioni sindacali di categoria nonché con le istituzioni regionali e comunali al fine di assicurare che i processi di riorganizzazione degli istituti di credito prestino la dovuta attenzione ai territori, in particolare nel Mezzogiorno e nelle aree svantaggiate, e assicurino una presenza adeguata di sportelli valorizzando la prossimità ai cittadini e alle imprese nonché salvaguardando i livelli occupazionali”. Lo chiede la deputata Pd Stefania Covello in un ordine del giorno accolto dal governo nell’ambito dei lavori di conversione in legge del Dl banche.

Stefania Covello sottolinea come “sempre più spesso i processi di riorganizzazione degli istituti di credito portano a ridimensionare la presenza degli sportelli nell’ambito di comprensori formati da piccoli comuni in particolare nel Mezzogiorno ed in aree svantaggiate. Si tratta di processi che penalizzano imprese e risparmiatori che si trovano a non avere più un rapporto con un istituto di credito in grado di conoscere l’ambito territoriale e di sostenere l’economia comprensoriale. La chiusura degli sportelli inoltre determina esuberi spesso difficilmente ricollocabili e quindi è causa di ulteriori problemi occupazionali e di trasferimenti. Le stesse organizzazioni sindacali di categoria – conclude – hanno più volte lanciato l’allarme su questo progressivo ridimensionamento legato a piani industriali che non prestano la dovuta sensibilità al tema della prossimità territoriale degli istituti di credito”.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Don Carlo De Cardona: i Cattolici Cosentini ricordano il suo impegno

La Città di Cosenza ricorda Don Carlo De Cardona, sacerdote nato a Morano Calabro il 4 maggio 1871, è stato l'apostolo della...

Movimento NOI: siamo chiamati a rendere efficace la politica

di Fabio Gallo/ "La Democrazia in Calabria e da oggi in Sicilia, si declina con il nome del...

Covid19, Scuola e Famiglia. SI DAD e NO DAD a confronto.

La Scuola sta cambiando e si avvia verso il futuro nel quale la didattica digitale ha il suo peso. Ne parliamo, insieme....

Nel Movimento NOI i “Popolari” di Sturzo e Toniolo coerenti nelle scelte

La Redazione/ I Popolari hanno una nuova bandiera e un nuovo simbolo di cui è stato fatto dono...

NOI Donne: dibattito sul tema “il Senso di responsabilità. Sanità e gestione Vaccini”.

Webinar interregionale del Movimento NOI dedicato alle Donne sul tema portante del "Senso di Responsabilità" nel campo della Sanità e della Gestione...