11.1 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Marò, torna in Italia Salvatore Girone. L’Aja ha dato ragione all’Italia.

Must read

Fabio Gallo: il Movimento civico NOI con la preside Mariarosaria Russo, candidata a sindaco della città di Gioia Tauro.

A dare notizia che il Movimento civico NOI sarà al fianco della Preside Mariarosaria Russo candidata a Sindaco della Città di Gioia...

Castrolibero diventa sede del Polo per la digitalizzazione dei Beni Culturali e Librari

Giorno 18 marzo alle ore 11.00 presso la sede del Comune di Castrolibero si terrà la Conferenza Stampa di presentazione del “Polo per la Digitalizzazione dei Beni...

Guerra in Ucraina: Adriana Musella scrive al Cardinale Zuppi

di Adriana Musella, già Presidente Coordinamento Nazionale antimafia/Carissimo Cardinale Carlo Maria Zuppi e Vescovi tutti, credo sia...

Mendicino: molto interesse per Eugenio Toteda, sturziano di “NOI” che guarda al Consiglio comunale

Calabria - Sul tema "Quali programmi per Mendicino" si è tenuto, a Mendicino (CS), l'incontro voluto dal...

I Marò - Massimiliano Latorre e Salvatore Girone
I Marò – Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

ASCA – La decisione di oggi del tribunale arbitrale dell’Aja che ha stabilito che il fuciliere di Marina Salvatore Girone faccia rientro in patria fino alla conclusione del procedimento arbitrale, avviato dal governo italiano, “fa pensare che abbiamo fatto molto bene. Il giudice internazionale ci ha dato ragione”. Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni commenta così, al Tg1, la decisione del tribunale e si dice “convinto che quando si entrerà nel merito ci daranno ragione. Alla fine le ragioni di Girone e Latorre prevarranno”.

“Italia e India – ha spiegato il ministro – devono concordare insieme le modalità del rientro. Girone, certo, non tornerà domani mattina, forse ci vorrà qualche settimana” ma l’importante è il principio, la decisione del tribunale. Girone si trova da oltre quattro anni in India per la vicenda che lo vede accusato da Nuova Delhi assieme a Massimiliano Latorre, dell’uccisione di due pescatori al largo delle coste indiane nel 2012.

RENZI. “La notizia che è giunta dal tribunale internazionale su Girone, con cui ho parlato, è straordinaria, un passo avanti significativo al quale abbiamo lavorato con grande determinazione“. Lo ha detto il premier Matteo Renzi, commentando gli sviluppi della vicenda dei due marò, al termine dell’incontro a Firenze con il primo ministro giapponese Shinzo Abe. “Allo stesso tempo lanciamo un messaggio rivolto al popolo indiano: siamo sempre pronti a lavorare e a collaborare insieme”, ha concluso Renzi. Il Tribunale arbitrale dell’Aja, infatti, ha stabilito che il il fuciliere di Marina Salvatore Girone faccia rientro in Italia fino alla conclusione del procedimento arbitrale, avviato dal governo, sulla vicenda dei due marò accusati dall’India di aver ucciso due pescatori ala largo delle sue coste nel 2012. “Il governo ha lavorato per sottoporre l’intera vicenda all’arbitrato internazionale e, in questo quadro, riportare a casa i due fucilieri di Marina. L’ordinanza annunciata apre la strada a questo risultato” si legge in una nota del ministero degli Esteri, che sottolinea che si tratta di “una buona notizia per i due fucilieri, le loro famiglie e per le ragioni sostenute dal governo e dai nostri legali”. Il governo – aggiunge la nota — conta su un atteggiamento costruttivo dell’India anche nelle fasi successive e di merito della controversia”.

La decisione del Tribunale de L’Aja, spiega il ministero, recepisce le considerazioni legali e di ordine umanitario derivanti dalla permanenza di Girone in India da oltre quattro anni e che avrebbe potuto prolungarsi per altri due o tre anni, tenuto conto della prevista durata del procedimento arbitrale. “Il governo avvierà immediatamente le consultazioni con l’India affinché siano in breve tempo definite e concordate le condizioni per dare seguito alla decisione del Tribunale arbitrale” e “sottolinea che la decisione odierna del Tribunale relativa alle misure richieste dall’Italia in favore del Sergente Girone non influisce sul prosieguo del procedimento arbitrale, che dovrà definire se spetti all’Italia o all’India la giurisdizione sul caso della Enrica Lexie”. L’altro fuciliere di Marina implicato nella vicenda, Massimiliano Latorre, è già tornato in Italia da tempo per motivi di salute.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Fabio Gallo: il Movimento civico NOI con la preside Mariarosaria Russo, candidata a sindaco della città di Gioia Tauro.

A dare notizia che il Movimento civico NOI sarà al fianco della Preside Mariarosaria Russo candidata a Sindaco della Città di Gioia...

Castrolibero diventa sede del Polo per la digitalizzazione dei Beni Culturali e Librari

Giorno 18 marzo alle ore 11.00 presso la sede del Comune di Castrolibero si terrà la Conferenza Stampa di presentazione del “Polo per la Digitalizzazione dei Beni...

Guerra in Ucraina: Adriana Musella scrive al Cardinale Zuppi

di Adriana Musella, già Presidente Coordinamento Nazionale antimafia/Carissimo Cardinale Carlo Maria Zuppi e Vescovi tutti, credo sia...

Mendicino: molto interesse per Eugenio Toteda, sturziano di “NOI” che guarda al Consiglio comunale

Calabria - Sul tema "Quali programmi per Mendicino" si è tenuto, a Mendicino (CS), l'incontro voluto dal...

Biden: missione a guida Usa per costruire un porto a Gaza (e distribuire aiuti umanitari)

New York, 7 mar. (askanews) – Il presidente americano Joe Biden annuncerà giovedì, durante il suo discorso...