-1.9 C
Rome
domenica, Novembre 28, 2021

Bufera su Tajani per l’elogio a Mussolini. Le critiche da Bruxelles del M5S

Must read

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Antonio Tajani - Benito Mussolini
Antonio Tajani – Benito Mussolini

“In un momento in cui vediamo la voglia di ritornare a dare una luce positiva” al periodo del Fascismo, “mi aspetterei dal presidente del Parlamento Europeo un giusto silenzio”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando le parole del presidente del parlamento europeo, Antonio Tajani, travolto dalle polemiche per aver detto che prima dell’entrata in guerra Benito Mussolini “ha fatto delle cose positive”.

“Non capisco il bisogno di ritornare su questi temi”, ha aggiunto Sala, a margine di una celebrazione al Giardino dei giusti di Milano. “Tutti singolarmente possono aver fatto cose buone singolarmente, ma è chiaro che il giudizio è assolutamente negativo di quel periodo”, ha chiosato il sindaco. “Nonostante le precisazioni, la gravità delle parole pronunciate dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani su Mussolini resta e marca una considerazione inaccettabile. Dire, come ha fatto Tajani, che Mussolini ha fatto anche cose buone dà vigore a quelle teorie dei treni che passavano sempre in orario piuttosto che a quelle che salvano e giustificano una fase storica buia, fatta di repressione e violenza. Ci auguriamo che Tajani chieda scusa. Lo deve al nostro Paese e ai tanti italiani morti per traghettare l’italia dalla dittatura alla democrazia”. Ha detto la consigliera regionale del Lazio Marietta Tidei (Pd).

Si tratta di “Farneticazioni” per i portavoce del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura, secondo cui “le frasi pronunciate dal presidente del Parlamento Europeo Tajani a favore di Mussolini e del Fascismo mancano di rispetto alla storia del nostro Paese e a chi ha combattuto il nazifascismo a costo della propria vita”. “Tajani chieda scusa per quanto detto, per rispetto dell’istituzione che rappresenta e di chi ha difeso la nostra libertà durante in Ventennio – hanno aggiunto, spiegando che è necessario che “Forza Italia sconfessi Tajani immediatamente o sarà complice delle sue gravissime affermazioni”. Fonte ASCA NEWS

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Prosecco: De Castro-Dorfmann, no a falso made in Croazia.

“Non possiamo tollerare che la denominazione protetta “Prosecco”, una delle più emblematiche a livello Ue, diventi oggetto di imitazioni e abusi, in...