2.1 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Il re del tonno Callipo si ritrova tra sardine e indagati dall’antimafia

Must read

UnicART bagno di folla per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla Città Unica Cosenza-Rende-Castrolibero

Quando ad organizzare un evento, in questo caso un grande evento culturale, è la struttura che fa...

Bocciata la proposta del terzo mandato, Salvini: ‘Nessun problema per il governo’

In commissione Affari costituzionali, dove il provvedimento è all'esame, si sono espressi contro la proposta di modifica...

Clima, a Milano una installazione di denuncia nella Fashion week

Milano, 20 feb. (askanews) – La crisi climatica non risparmia nessuno, neppure la Fashion week di Milano,...

Cellulari in classe? Valditara dice NO fino alle medie

Roma, 22 feb. (askanews) – “Nelle nuove ‘Linee guida sulla educazione alla cittadinanza’ di prossima pubblicazione, in...

Pippo Callipo
Pippo Callipo

la Redazione/

Calabria – Il noto industriale del tonno Pippo Callipo è stato individuato dal PD come candidato alla presidenza della Regione Calabria, con grande delusione di gran parte dei suoi estimatori che lo vedono oggi, dover coprire con il suo volto di operoso industriale, le malefatte di un PD che il segretario del partito Zingaretti ha letteralmente demolito rifiutando la candidatura dell’ex Presidente della Regione Calabria Gerardo Mario Oliverio (PD) coinvolto in diverse indagini a cura della magistratura antimafia di Catanzaro, ancora in corso.

Ma la responsabilità più grande che si imputa all’ex Presidente Oliverio sarebbe di natura politica per non essere riuscito a concretizzare gli obiettivi politici strategici. Per dirne solo una, la Sanità, avvolta da indagini antimafia, commissariamenti e molto altro, che hanno fatto letteralmente saltare il PD che, con Pippo Callipo, prova a restaurare quel volto che, invece, è irrimediabilmente sfigurato, a danno di chi nella politica crede per davvero e che si trova isolato all’interno dei partiti che mostrano il loro lato peggiore animando sfilate di Ministri mai visti prima, a ridosso delle elezioni.

Sono in molti ad avere preferito una rivoluzione civica operata da noti industriali come Callipo o altri noti per le loro posizioni antimafia, ma invece, sono tutti finiti in coda come “sardine” in un PD che in Calabria non solo perde la faccia ma anche i pezzi con una migrazione di noti esponenti che, incredibile a credersi, dal PD passano al Centrodestra, in barba ad ogni ideologia partitica.

La riforma dei partiti appare sempre più indispensabile e le frammentazioni che manifestano molteplici interessi ben lontani dal bene comune, ne allontanano la possibilità di vederla realizzata forse anche per il repentino mutamento dell’economia oggi mossa dalla globalizzazione cui i partiti non riescono a veicolare a favore del lavoro e dell’economia italiana. Callipo è un esempio ma non basta a redimere un intero partito.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

UnicART bagno di folla per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla Città Unica Cosenza-Rende-Castrolibero

Quando ad organizzare un evento, in questo caso un grande evento culturale, è la struttura che fa...

Bocciata la proposta del terzo mandato, Salvini: ‘Nessun problema per il governo’

In commissione Affari costituzionali, dove il provvedimento è all'esame, si sono espressi contro la proposta di modifica...

Clima, a Milano una installazione di denuncia nella Fashion week

Milano, 20 feb. (askanews) – La crisi climatica non risparmia nessuno, neppure la Fashion week di Milano,...

Cellulari in classe? Valditara dice NO fino alle medie

Roma, 22 feb. (askanews) – “Nelle nuove ‘Linee guida sulla educazione alla cittadinanza’ di prossima pubblicazione, in...

Sergio Mattarella a Cipro per attenzione a stabilità Mediterraneo

Roma, 22 feb. (askanews) – L’attenzione alla stabilità del Mediterraneo orientale minacciata anche dalla crisi di Gaza impone di essere presenti. Con...