-3.7 C
Rome
mercoledì, Gennaio 27, 2021

Il re del tonno Callipo si ritrova tra sardine e indagati dall’antimafia

Must read

Covid19, vaccini e Scuola. Movimento NOI scrive alle Istituzioni di Governo

introduzione a cura di Fabio Gallo/ La crisi dettata dagli sviluppi della pandemia si riflette in maniera impetuosa...

Covid, Conte: su rallentamenti vaccini ricorreremo in sede legale

“Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti”. Lo scrive su facebook il presidente del Consiglio,...

Boccia: se i vaccini finiscono in altri continenti è grave

“C’è stata una riduzione nelle forniture” e “entro marzo ne avremo 15 milioni e stiamo rivendendo i piani di somministrazione in funzione...

Il colosso Repsol Italia Spa accusato di estorsione alla “Gallo Petroli sas” e a Francesco Gallo

la redazione/ Repsol è una società spagnola attiva nei settori del petrolio e del gas naturale con interessi...

Pippo Callipo
Pippo Callipo

la Redazione/

Calabria – Il noto industriale del tonno Pippo Callipo è stato individuato dal PD come candidato alla presidenza della Regione Calabria, con grande delusione di gran parte dei suoi estimatori che lo vedono oggi, dover coprire con il suo volto di operoso industriale, le malefatte di un PD che il segretario del partito Zingaretti ha letteralmente demolito rifiutando la candidatura dell’ex Presidente della Regione Calabria Gerardo Mario Oliverio (PD) coinvolto in diverse indagini a cura della magistratura antimafia di Catanzaro, ancora in corso.

Ma la responsabilità più grande che si imputa all’ex Presidente Oliverio sarebbe di natura politica per non essere riuscito a concretizzare gli obiettivi politici strategici. Per dirne solo una, la Sanità, avvolta da indagini antimafia, commissariamenti e molto altro, che hanno fatto letteralmente saltare il PD che, con Pippo Callipo, prova a restaurare quel volto che, invece, è irrimediabilmente sfigurato, a danno di chi nella politica crede per davvero e che si trova isolato all’interno dei partiti che mostrano il loro lato peggiore animando sfilate di Ministri mai visti prima, a ridosso delle elezioni.

Sono in molti ad avere preferito una rivoluzione civica operata da noti industriali come Callipo o altri noti per le loro posizioni antimafia, ma invece, sono tutti finiti in coda come “sardine” in un PD che in Calabria non solo perde la faccia ma anche i pezzi con una migrazione di noti esponenti che, incredibile a credersi, dal PD passano al Centrodestra, in barba ad ogni ideologia partitica.

La riforma dei partiti appare sempre più indispensabile e le frammentazioni che manifestano molteplici interessi ben lontani dal bene comune, ne allontanano la possibilità di vederla realizzata forse anche per il repentino mutamento dell’economia oggi mossa dalla globalizzazione cui i partiti non riescono a veicolare a favore del lavoro e dell’economia italiana. Callipo è un esempio ma non basta a redimere un intero partito.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Covid19, vaccini e Scuola. Movimento NOI scrive alle Istituzioni di Governo

introduzione a cura di Fabio Gallo/ La crisi dettata dagli sviluppi della pandemia si riflette in maniera impetuosa...

Covid, Conte: su rallentamenti vaccini ricorreremo in sede legale

“Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti”. Lo scrive su facebook il presidente del Consiglio,...

Boccia: se i vaccini finiscono in altri continenti è grave

“C’è stata una riduzione nelle forniture” e “entro marzo ne avremo 15 milioni e stiamo rivendendo i piani di somministrazione in funzione...

Il colosso Repsol Italia Spa accusato di estorsione alla “Gallo Petroli sas” e a Francesco Gallo

la redazione/ Repsol è una società spagnola attiva nei settori del petrolio e del gas naturale con interessi...

Scuola, pandemia e innovazione. Studiare in sicurezza.

Affrontiamo le problematiche legate alla Scuola, ai giovani alla famiglia e alla sicurezza nel tempo dettato dal COVID19, unendo Vibo Valentia e...